La mediocrità del giornalismo sportivo

2021: La vittoria di Pirlo?
ThePiper
Massimo Carbone
Messaggi: 17063
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda ThePiper » gio nov 26, 2020 7:14 pm

gianlu ha scritto:Bowe è ben considerato dagli appassionati.
Suppongo che nessuno gli neghi un posto fra i migliori 50 massimi di sempre.
Forse non ha la popolarità che meriterebbe presso il grande pubblico essendo il suo nome legato ad uno solo degli altri grandi dell’epoca (Holyfield).


Siccome ha pure battuto Holyfield due volte su tre la cosa mi incuriosiva. D'altronde tutto ruota attorno a Tyson in quegli anni e chiaramente non averlo mai incontrato renderà in generale Bowe meno conosciuto.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 31943
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda dsdifr » gio nov 26, 2020 8:03 pm

Ace Man ha scritto:
dsdifr ha scritto:Ali, Louis, Foreman, Liston, Frazier credo sia impossibile non ritenerli superiori a Tyson e son già cinque :wink:
Johnson, Dempsey e Tunney forse sono troppo lontani nel tempo ma ci sarebbero anche loro davanti.
Riguardo a Holyfield, Lewis e anche Larry Holmes se ne può discutere.

vedo che stranamente nessuno nomina Rocky Marciano.

Mi sono scordato! Ovviamente sta nei primi cinque minimo.

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 54778
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Johnny Rex » gio nov 26, 2020 10:30 pm

Insomma, Gnari, Tavelli ha detto una discreta Cazzata :) ,senza sapere che sarebbe intervenuto Nickognito a difenderlo.

Se vogliamo dire che Tyson è stata una delle personalità più importanti nella storia della boxe, beh, lì si può discuterne (per me nemmeno sotto quell'aspetto).

F.F.
Gios ha scritto:
L'obiettivo unico è il lockdown totale nazionale; ed il mezzo per raggiungerlo è il lockdown totale nazionale.
È forse l'attesa del lockdown totale nazionale il lockdown totale nazionale stesso?

gianlu
Saggio
Messaggi: 8096
Iscritto il: ven nov 17, 2006 5:01 pm

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda gianlu » ven nov 27, 2020 9:59 am

ThePiper ha scritto:
gianlu ha scritto:Bowe è ben considerato dagli appassionati.
Suppongo che nessuno gli neghi un posto fra i migliori 50 massimi di sempre.
Forse non ha la popolarità che meriterebbe presso il grande pubblico essendo il suo nome legato ad uno solo degli altri grandi dell’epoca (Holyfield).


Siccome ha pure battuto Holyfield due volte su tre la cosa mi incuriosiva. D'altronde tutto ruota attorno a Tyson in quegli anni e chiaramente non averlo mai incontrato renderà in generale Bowe meno conosciuto.


Il primo contro Holyfield fu il più valido. Pure contro Golota fu interessante.
« Ci vorrebbe un lavoro a parte per star dietro a tutte le balle che si scrivono »
(Albornoz)

el saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » sab nov 28, 2020 9:33 pm

Che bravo che è Dario Marcolin.

Giocatore intelligente, miglior commentatore tecnico, nettamente.
Siamo tutti testimoni

Avatar utente
Pitone
Massimo Carbone
Messaggi: 20543
Iscritto il: ven nov 08, 2002 1:00 am
Località: Estremissimo ponente ligure/Sardegna
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Pitone » lun nov 30, 2020 9:14 pm

Fuck off means naw, naw means mibbie, mibbie means aye n aye means anal...

Ace Man
Saggio
Messaggi: 8743
Iscritto il: lun gen 01, 2007 8:10 pm

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Ace Man » mar dic 01, 2020 12:16 am

Nasty ha scritto:Che bravo che è Dario Marcolin.

Giocatore intelligente, miglior commentatore tecnico, nettamente.

Sì, è vero, molto bravo Marcolin al commento tecnico.
anche Zenga era molto bravo.
A Sky mi piace parecchio Ambrosini.
Tra i telecronisti invece, comprendendo Rai, DAZN, Sky e Mediaset ne salvo solo uno: Riccardo Gentile di Sky.
Ci sarebbe anche Sandro Piccinini, ma a Sky, siccome c'è un esubero di fenomenali telecronisti, a lui fanno fare l'opinionista :roll:
"Ma perchè Federer non si ritira? Voglio dire, ha 34 anni, giusto? Perchè continua a giocare?"---(Srdjan Djokovic, padre di Novak, ad inizio 2016)---

Liberi Tutti.

Avatar utente
Roda
Saggio
Messaggi: 7339
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Dime càn ma no 'taliàn

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Roda » mar dic 01, 2020 12:36 pm

Ace Man ha scritto:
Nasty ha scritto:Che bravo che è Dario Marcolin.

Giocatore intelligente, miglior commentatore tecnico, nettamente.

Sì, è vero, molto bravo Marcolin al commento tecnico.
anche Zenga era molto bravo.
A Sky mi piace parecchio Ambrosini.
Tra i telecronisti invece, comprendendo Rai, DAZN, Sky e Mediaset ne salvo solo uno: Riccardo Gentile di Sky.
Ci sarebbe anche Sandro Piccinini, ma a Sky, siccome c'è un esubero di fenomenali telecronisti, a lui fanno fare l'opinionista :roll:


Riccardo Gentile è quello che pronunciava il portiere svizzero Benaglio invece con il "gl" duro (Benaghlio, per dire) invece che all'italiana perchè faceva più figo ?
Porta l’amante a casa e trova la moglie a letto con due uomini. Tecnicamente è un full.

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » mar dic 01, 2020 1:47 pm

Non ricordo.

Roda, per te se un francese proncuncia Rodellà o Rodella è uguale? O trovi più bravo il francese che dice :" Rodella taglia per il primo il traguardo del GPM?" :D
Siamo tutti testimoni

gianlu
Saggio
Messaggi: 8096
Iscritto il: ven nov 17, 2006 5:01 pm

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda gianlu » mar dic 01, 2020 2:59 pm

Roda ha scritto:
Ace Man ha scritto:
Nasty ha scritto:Che bravo che è Dario Marcolin.

Giocatore intelligente, miglior commentatore tecnico, nettamente.

Sì, è vero, molto bravo Marcolin al commento tecnico.
anche Zenga era molto bravo.
A Sky mi piace parecchio Ambrosini.
Tra i telecronisti invece, comprendendo Rai, DAZN, Sky e Mediaset ne salvo solo uno: Riccardo Gentile di Sky.
Ci sarebbe anche Sandro Piccinini, ma a Sky, siccome c'è un esubero di fenomenali telecronisti, a lui fanno fare l'opinionista :roll:


Riccardo Gentile è quello che pronunciava il portiere svizzero Benaglio invece con il "gl" duro (Benaghlio, per dire) invece che all'italiana perchè faceva più figo ?


Più realista del re (ammesso e non concesso che fosse Gentile). Persino i telecronisti tedeschi pronunciavano Benaglio all'italiana commentando gli incontri del Wolfsburg.
« Ci vorrebbe un lavoro a parte per star dietro a tutte le balle che si scrivono »
(Albornoz)

el saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!

Avatar utente
scooter
Illuminato
Messaggi: 2701
Iscritto il: mar mar 07, 2017 10:01 am

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda scooter » mer dic 02, 2020 8:00 pm

e l'accento di Platini?

gianlu
Saggio
Messaggi: 8096
Iscritto il: ven nov 17, 2006 5:01 pm

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda gianlu » mer dic 02, 2020 9:33 pm

scooter ha scritto:e l'accento di Platini?

Ne conosc(ev)o alcuni nel novarese, pronunciano il loro cognome all'italiana.
« Ci vorrebbe un lavoro a parte per star dietro a tutte le balle che si scrivono »
(Albornoz)

el saòn no’l sa gnente, l’inteligente el sa poco, l’ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto!

Avatar utente
Pitone
Massimo Carbone
Messaggi: 20543
Iscritto il: ven nov 08, 2002 1:00 am
Località: Estremissimo ponente ligure/Sardegna
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Pitone » mer dic 02, 2020 9:49 pm

In Sardegna verrebbe pronunciato istintivamente Plàtini, l'accento lo si mette quasi sempre sulla prima consonante.
Cabrini fosse un cogmome sardo sarebbe pronunciato qui Càbrini :D
Fuck off means naw, naw means mibbie, mibbie means aye n aye means anal...

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato-Utente dell' anno 2011
Messaggi: 12331
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda pocaluce » mer dic 02, 2020 11:29 pm

Pitone ha scritto:In Sardegna verrebbe pronunciato istintivamente Plàtini, l'accento lo si mette quasi sempre sulla prima consonante.
Cabrini fosse un cogmome sardo sarebbe pronunciato qui Càbrini :D


Non lo dire a me, che ho pure un cognome che abbastanza diffuso in Sardegna (c'è anche un produttore di vini piuttosto famoso) e ogni volta che incrocio un sardo me lo "sbaglia" con l'accento sulla prima sillaba :D
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
Pitone
Massimo Carbone
Messaggi: 20543
Iscritto il: ven nov 08, 2002 1:00 am
Località: Estremissimo ponente ligure/Sardegna
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Pitone » mer dic 02, 2020 11:59 pm

pocaluce ha scritto:
Pitone ha scritto:In Sardegna verrebbe pronunciato istintivamente Plàtini, l'accento lo si mette quasi sempre sulla prima consonante.
Cabrini fosse un cogmome sardo sarebbe pronunciato qui Càbrini :D


Non lo dire a me, che ho pure un cognome che abbastanza diffuso in Sardegna (c'è anche un produttore di vini piuttosto famoso) e ogni volta che incrocio un sardo me lo "sbaglia" con l'accento sulla prima sillaba :D


Stessa cosa per me, ho dovuto reimparare il mio cognome :D
Fuck off means naw, naw means mibbie, mibbie means aye n aye means anal...

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » gio dic 03, 2020 7:56 am

Si pronuncia Raiòla, non Ràiola.

Chi glielo spiega ai giornalisti di calcio? :D

E' un cognome che a Foligno è discretamente diffuso, e si pronuncia con accento sulla O.

Ma Mino neanche lo sa, figurarsi.
Siamo tutti testimoni

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 66156
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda tennisfan82 » gio dic 03, 2020 10:40 am

Nel tennis hanno chiamato per 15 anni Stepanek mettendo l'accento sulla sillaba sbagliata :D
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
Paolo79
Saggio
Messaggi: 8748
Iscritto il: dom gen 09, 2005 12:25 pm
Località: Lombardia
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Paolo79 » gio dic 03, 2020 10:44 am

non esiste l'accento giusto o sbagliato in senso assoluto, esiste solo giusto l'accento giusto o sbagliato per una determinata area/regione/nazione/cultura.
Il mio obiettivo non è vincere. Il mio obiettivo è far sì che quando scendo in campo il mio avversario abbia paura di me" (A.Agassi)

Avatar utente
koufax75
FooLminato
Messaggi: 12314
Iscritto il: lun giu 10, 2002 2:00 am
Località: Udine / Shanghai

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda koufax75 » gio dic 03, 2020 11:38 am

A proposito di pronunce... ma i giornalisti italiani hanno imparato a pronunciare DEJAN (Stankovic,
Bodiroga) correttamente? Quella J va pronunciata come una normale J italiana (Jugoslavia, Juventus oppure anche Maio, Caio). invece tantissimi giornalisti italiani la pronunciano come fosse una J francese... per la disperazione di Sergio Tavcar e non solo....
Leo Durocher: You don't save a pitcher for tomorrow. Tomorrow it may rain.

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » gio dic 03, 2020 1:59 pm

Quasi tutti l pronunciano bene
Siamo tutti testimoni

Avatar utente
balbysauro
Utente del Decennio 10-20
Messaggi: 65932
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda balbysauro » gio dic 03, 2020 5:55 pm

tennisfan82 ha scritto:Nel tennis hanno chiamato per 15 anni Stepanek mettendo l'accento sulla sillaba sbagliata :D


Shtiepànek

Avatar utente
eddie v.
Utente dell' anno 2019
Messaggi: 17184
Iscritto il: mer dic 02, 2009 11:01 am

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda eddie v. » gio dic 03, 2020 6:40 pm

balbysauro ha scritto:
tennisfan82 ha scritto:Nel tennis hanno chiamato per 15 anni Stepanek mettendo l'accento sulla sillaba sbagliata :D


Shtiepànek

la pronuncia esatta è santopadre.
Aveva una mente così ristretta che riusciva a guardare dal buco della serratura con tutti e due gli occhi.

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 54778
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Johnny Rex » gio dic 03, 2020 10:25 pm

Quello che mi fa Inkazzare di Sky Sport è la continua, eterna celebrazione del tutto.
Mai uno Speciale sui problemi del calcio, o le difficoltà o le cose da migliorare di altri sport.
Lontanissimi i tempi di Tommasi , tutto è BBELLISSIMO

F.F.
Gios ha scritto:
L'obiettivo unico è il lockdown totale nazionale; ed il mezzo per raggiungerlo è il lockdown totale nazionale.
È forse l'attesa del lockdown totale nazionale il lockdown totale nazionale stesso?

Avatar utente
Alga
Massimo Carbone
Messaggi: 45686
Iscritto il: ven giu 23, 2000 2:00 am
Località: Roma, LAZIO

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Alga » ven dic 04, 2020 4:24 pm

Mihajlovic: "Io ho provato un nuovo assetto solo per capire chi è che parla con i giornalisti, perché voglio trovarlo e quando lo trovo lo appendo al muro. Io non cambio modulo, l'ho fatto apposta e come tutte le volte è venuto fuori. Se c'è qualche giocatore che parla per mezzo voto in più o qualcun altro vedete cosa gli faccio ".
GIORGIO CHINAGLIA E' IL GRIDO DI BATTAGLIA!

Immagine

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 66156
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda tennisfan82 » ven dic 04, 2020 4:35 pm

Alga ha scritto:Mihajlovic: "Io ho provato un nuovo assetto solo per capire chi è che parla con i giornalisti, perché voglio trovarlo e quando lo trovo lo appendo al muro. Io non cambio modulo, l'ho fatto apposta e come tutte le volte è venuto fuori. Se c'è qualche giocatore che parla per mezzo voto in più o qualcun altro vedete cosa gli faccio ".


Sarà sicuramente qualcuno che fa panchina.

Infatti mi sono sempre chiesto come facciano i giornalisti a sapere la formazione 2 giorni prima con gli allenamenti che si svolgono a porte chiuse.

https://twitter.com/ste6ste/status/1334 ... 36576?s=09
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » sab dic 05, 2020 5:44 pm

Alga ha scritto:Mihajlovic: "Io ho provato un nuovo assetto solo per capire chi è che parla con i giornalisti, perché voglio trovarlo e quando lo trovo lo appendo al muro. Io non cambio modulo, l'ho fatto apposta e come tutte le volte è venuto fuori. Se c'è qualche giocatore che parla per mezzo voto in più o qualcun altro vedete cosa gli faccio ".



Grande sinisa :oops: :oops:
Siamo tutti testimoni

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » dom dic 06, 2020 7:10 pm

Non è un giornalista, ma un minimo di conoscenza della lingua italiana sarebbe richiesta anche a Daniele Adani, il quale nel commentare un intervento da espulsione del giocatore Petriccione dice:

"lui sbaglia la palla e colpisce la gamba, ci può stare il rosso"

TRE volte ha detto " lui sbaglia la palla"


Ma puttana eva.

Per tacere, poi, delle vocali sbagliate, tutte le "E" invertite.

E che cazzo
Siamo tutti testimoni

Avatar utente
balbysauro
Utente del Decennio 10-20
Messaggi: 65932
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda balbysauro » dom dic 06, 2020 7:13 pm

Nasty ha scritto:Non è un giornalista, ma un minimo di conoscenza della lingua italiana sarebbe richiesta anche a Daniele Adani, il quale nel commentare un intervento da espulsione del giocatore Petriccione dice:

"lui sbaglia la palla e colpisce la gamba, ci può stare il rosso"

TRE volte ha detto " lui sbaglia la palla"


Ma puttana eva.

Per tacere, poi, delle vocali sbagliate, tutte le "E" invertite.

E che cazzo


dice anche còrrere, con la o aperta
come Salvatore Bagni
chissà come lo dice Luciano Ligabue

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 48281
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nasty » dom dic 06, 2020 7:15 pm

Vero, sbaglia moltissime O. Sì, sbaglia ogni vocale. Record.

Neanche la Pausini a queste vette.
Siamo tutti testimoni

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 54778
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Johnny Rex » mar dic 08, 2020 9:16 am

Gios ha scritto:
L'obiettivo unico è il lockdown totale nazionale; ed il mezzo per raggiungerlo è il lockdown totale nazionale.
È forse l'attesa del lockdown totale nazionale il lockdown totale nazionale stesso?

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 54778
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Johnny Rex » mar dic 08, 2020 9:44 am

Si discute sulle nostre opinioni a proposito di informazioni che non possiamo dare per reali.

Il che spiega anche perchè il Giornalismo è divenuto molto più statistico, si discute su quanti assist Caputo trasformi in gol, quanti tackle faccia van Djik,e via discorrendo .
In mancanza di notizie, si discute ad infinitum su quello che si vede, rivedendolo, sezionandolo, spesso piegandolo alle proprie teorie, dai lanci di Platini in una semifinale europea di 35 anni fa , non è giornalismo d'opinione /inchiesta su quello che non si vede ma solo su quello che si vede .

F.F.
Gios ha scritto:
L'obiettivo unico è il lockdown totale nazionale; ed il mezzo per raggiungerlo è il lockdown totale nazionale.
È forse l'attesa del lockdown totale nazionale il lockdown totale nazionale stesso?

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 31943
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda dsdifr » mar dic 08, 2020 11:32 am

bell'articolo di Sconcerti e bella riflessione di Fabio.
Penso, però, che in un certo senso sia giusto così, più "onesto".
Le immagini alla portata di tutti e le indiscrezioni alla portata di quasi nessuno fanno sì che giustamente ci si concentri sui dati quantitativi, sulla statistica: chiunque può vivisezionare il gioco se ha gli strumenti e la minima competenza per farlo, mentre invece ad improvvisarsi Brera e dare soprannomi alla gente basandosi non sulle proprie competenze o esperienze dirette ma solo sulle proprie simpatie si diventa... Scanzi. Quindi ben venga che l'informazione si basi allora sulla statistica e non sulla prosa.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 134862
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nickognito » mar dic 08, 2020 12:25 pm

se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D
He/His/Him/Piron/Non-Geg

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 31943
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda dsdifr » mar dic 08, 2020 12:32 pm

Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D

Parli tu che sei fra i più attivi nei topic sulla pandemia dove di fatto si parla solo di numeri e proiezioni di numeri :D

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 134862
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nickognito » mar dic 08, 2020 12:38 pm

dsdifr ha scritto:
Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D

Parli tu che sei fra i più attivi nei topic sulla pandemia dove di fatto si parla solo di numeri e proiezioni di numeri :D


Tu sei un mio amico su Facebook, quindi dovresti sapere quanto poco scriva, soprattutto in post pubblici (ma anche sulla mia bacheca accessibile solo agli amici). Non ho altri social, non scrivo su altri siti online, non scrivo su giornali, non ho blog.
Scrivo solo su questo forum, che, si, teoricamente e' accessibile a tutti, ma in pratica e' un club chiuso di vecchi amici e conoscenti.

Io parlavo di scrivere per professione e per farsi leggere da un pubblico.
Per me con il gruppetto di amici al campetto uno puo' parlare della percentuale dei passaggi riusciti di Bonaventura anche venti ore :)
He/His/Him/Piron/Non-Geg

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato-Utente dell' anno 2011
Messaggi: 12331
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda pocaluce » mar dic 08, 2020 12:43 pm

Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D


Oppure si potrebbe scriverne meglio, come suggerisce Manusia (che con il suo ultimo uomo, sicuramente non può essere certo accusato di cercare il sensazionalismo o il solo aspetto numerico statistico):

Finalmente online questo articolo di Sconcerti in cui, in sostanza, se la prende con internet perché si stava meglio quando si potevano ricattare i giocatori e le società per avere le notizie in anteprima, quando le partite le vedevano in pochi e i giornalisti potevano sedersi sul loro privilegio di casta. Giuro, scrive questa cosa con nostalgia:

"D’altra parte non poteva esserci competenza perché nessuno vedeva il calcio. Le partite si potevano vedere solo allo stadio. Calcolando una media di trentamila spettatori per otto-nove partite, si arrivava ad appena 240/270 mila spettatori eventuali, quasi sempre gli stessi, meno dello 0,3 per cento del totale nazionale. Cioè nessuno. Quindi nessuno conosceva il calcio.

Anche quelli che andavano allo stadio potevano vedere una sola squadra, la loro, due volte al mese. Il resto delle squadre si vedevano quando capitavano da noi in trasferta. Questo aumentava l’epica, non la conoscenza."

Si tratta di un articolo emblematico, da far studiare nelle scuole per come inquadra bene un'idea di giornalismo non solo antica ma violenta, esclusivo, settario, in cui si insegue una fantomatica "notizia" ignorando il resto (racconto, analisi, interpretazione) e in cui è meglio se il pubblico è ignorante così non può mettere in discussione le tue competenze.

La cosa bella è che i presupposti sono giusti: chi scrive di calcio oggi non può basarsi solo sulla notizia da dare in anteprima e deve tenere conto di un pubblico sempre più informato e competente. Si dovrebbe partire da qui per andare avanti, anziché guardarsi indietro.
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 134862
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Nickognito » mar dic 08, 2020 12:57 pm

pocaluce ha scritto:
Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D


Oppure si potrebbe scriverne meglio


Sicuramente, ognuno segue e compra quel che preferisce.

Anche decenni fa, peraltro, potevano scriverne meglio. Personalmente sentivo il bisogno di farmi raccontare quello che non posso vedere o capire. Ma quello che posso vedere e capire preferisco o non farmelo raccontare proprio o farlo fare da grandi scrittori.
He/His/Him/Piron/Non-Geg

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 31943
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda dsdifr » mar dic 08, 2020 1:42 pm

Nickognito ha scritto:
dsdifr ha scritto:
Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D

Parli tu che sei fra i più attivi nei topic sulla pandemia dove di fatto si parla solo di numeri e proiezioni di numeri :D


Tu sei un mio amico su Facebook, quindi dovresti sapere quanto poco scriva, soprattutto in post pubblici (ma anche sulla mia bacheca accessibile solo agli amici). Non ho altri social, non scrivo su altri siti online, non scrivo su giornali, non ho blog.
Scrivo solo su questo forum, che, si, teoricamente e' accessibile a tutti, ma in pratica e' un club chiuso di vecchi amici e conoscenti.

Io parlavo di scrivere per professione e per farsi leggere da un pubblico.
Per me con il gruppetto di amici al campetto uno puo' parlare della percentuale dei passaggi riusciti di Bonaventura anche venti ore :)


Ah ok, allora va bene :wink: sì beh, condivido allora. Ma infatti chi ne scrive per lavoro oggi, tipo appunto l'ultimouomo o altre testate online, guadagna grazie alla pubblicità e si fa leggere gratuitamente.
I giornali sportivi penso che abbiano un oroscopo piuttosto grigio.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 66156
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda tennisfan82 » mar dic 08, 2020 7:40 pm

Come sintetizzare 2 notizie in una sola :D

Immagine
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 54778
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: La mediocrità del giornalismo sportivo

Messaggioda Johnny Rex » mer dic 09, 2020 8:32 am

pocaluce ha scritto:
Nickognito ha scritto:se le cose oggi sono accessibili a tutti si potrebbe anche smettere di scriverne :D


Oppure si potrebbe scriverne meglio, come suggerisce Manusia (che con il suo ultimo uomo, sicuramente non può essere certo accusato di cercare il sensazionalismo o il solo aspetto numerico statistico)


Manusia esagera (si sente forse chiamato in causa da Sconcerti? boh)
Non mi pare che dalla lunga riflessione/digressione di Firenze Viola esca fuori chissà quale Quelli erano giorni ,anzi, scrive chiaramente che il compianto Viola e altri non solo spesso capivano poco loro di quello che commentavano, ma che le loro qualità erano molto gonfiate dall'essere gli unici detentori del commento.
metà dei commentatori sportivi RAI facevano altro, Necco le inchieste sulla Camorra (e finì pure in un attentato, quindi aveva smosso qualcosa) , il pallosissimo Ennio Vitanza era Ingegnere nucleare o cose così :) ,pure Everardo Dalla Noce, quello di Piazza Affari di cui per altro dava l'idea di capirci nulla, pure lui aveva commentato da Milano negli anni 70'.
Non era richiesta alcuna specializzazione, commentavi el futbal come commentavi le esondazioni del Seveso o le contestazioni studentesche.
Lontani anni luce da Borghi che si vede 5 partite di calcio al giorno come dal tizio di Sky o altro il cui compito è aspettare l'arrivo del pullmann della Sampdoria. .
Brera stesso non capiva di calcio più di Tosatti, di Sconcerti stesso o altro, il fatto che scrivesse bene copriva il fatto che spesso e volentieri scrivesse Cazzate .

Quello che semmai Sconcerti rimpiange è il maggior contatto diretto coi protagonisti ,cosa comune a tutti gli sport, Scanagatti ti direbbe lo stesso, l'informazione dell'epoca era lacunosa e dilettantistica, ma quantomeno c'era la libertà di porre domande scomode (vedi arrivo di Maradona :) ) adesso l'informazione è controllata dalle società in tutto e per tutto, e il distacco non dico campioni/tifosi ma anche solo campioni/giornalisti è abissale. E spiega anche l'inevitabile calo di vero interesse.
Quando dice che si discute delle Opinioni e non delle notizie è assolutamente vero , è Opinionismo, non giornalismo.
Ammesso che come nota spesso Nickognito nel mondo dell'informazione tutta subito il Giornalismo esista ancora e abbia un senso.
Mi fa ridere che si continua a parlare di No Filter quando i filtri sono aumentati e aumentano a dismisura.

L'Ultimo Uomo, di cui peraltro ammiro le conoscenze degli articolisti e la loro passione ,pur non condividendola più per motivi miei ,secondo me parte dall'assunto che il giornalismo di sopra sia finito, e l'opinionismo sia sterile, e si concentra sulla Partita come unica vera realtà analizzabile.
Tanto le nostre opinioni stanno a zero qualunque esse siano, e quindi concentriamoci sull'aspetto ludico, che è quello che a conti fatti ci interessa.
Analizziamolo, segmentiamolo, scommettiamoci sopra (che è il senso finale del boom delle stats di ogni tipo in tutti gli sport, fare partecipare anche noi alla festa).
Se poi il Giornalismo d'Inchiesta sarebbe quello ,già che siamo in tema Ultimo Uomo, del tristissimo articolo dedicato al caso Zverev, Ajuto

F.F.
Gios ha scritto:
L'obiettivo unico è il lockdown totale nazionale; ed il mezzo per raggiungerlo è il lockdown totale nazionale.
È forse l'attesa del lockdown totale nazionale il lockdown totale nazionale stesso?


Torna a “Calcio”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti