E il lavoro dov'è?

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
Avatar utente
PINDARO
L'Hazard del forum
Messaggi: 53510
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda PINDARO » lun mar 06, 2017 9:00 pm

Ombra84 ha scritto:
Nasty ha scritto:
PINDARO ha scritto:http://cybernight.elementfx.com/buster.html

Sono rimasti solo 12 blockbuster al mondo.
3 in Oregon, 2 in Texas sul confine col Messico e 7 in Alaska :lol:
colpa dell'internet e degli streaming e della tecnologia che hanno fatto perdere migliaia e migliaia di posti di lavoro :cry: :cry: :cry:


Non mi risulta.

A Foligno c'è un Blockbuster aperto, oggi.


La rete (o Network) “BLOCKBUSTER VILLAGE” nasce dagli ex franchisee Blockbuster. Alla chiusura della catena americana la maggior parte degli imprenditori affiliati alla storica Blockbuster hanno deciso di continuare l’attività nei propri punti vendita unendosi tra loro e dando vita alla rete Blockbuster Village.
Blockbuster Village con oltre 700 film novità a Noleggio ogni anno, tutti i film novità in vendita, un catalogo immenso di DVD e Blu Ray con oltre 16.000 titoli, tutte le novità Games, Libri e Musica è il network degli specialisti dell’Entertainment.



Nonostante il fallimento del 2013, negli Stati Uniti 12 negozi in franchising di proprietà sono ancora aperti.
Ma immagino che quello di Foligno sia immenso.
Tipo sei campi da calcio.

Avatar utente
taylorhawkins89
Saggio
Messaggi: 7944
Iscritto il: lun ago 25, 2008 5:18 pm

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda taylorhawkins89 » mar mar 07, 2017 12:55 am


Burano
Saggio
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Burano » mar mar 07, 2017 7:04 am

Intanto, presso Trenitalia, da questo mese le nuove tecnologie hanno decuplicato il tempo necessario per il controllo dei biglietti a bordo: prima il controllore guardava e punzonava, ora deve prendere ogni biglietto e appoggiarlo su un tablet che spesso si impalla o legge male. Stamani dieci minuti per fare uno scompartimento da venti posti :o poi tra pochi anni ci penserà un drone al controllo e la figura del capotreno scomparirà. ..nel frattempo però va così.
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
PINDARO
L'Hazard del forum
Messaggi: 53510
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda PINDARO » mar mar 07, 2017 9:35 am

Burano ha scritto:tra pochi anni ci penserà un drone al controllo e la figura del capotreno scomparirà..


Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 39472
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Nasty » mar mar 07, 2017 4:27 pm

PINDARO ha scritto:
Nasty ha scritto:
A Foligno c'è un Blockbuster aperto, oggi.


E ci vai solo te.
Per non far ingrassare ciccioni.



Io no, ma un mio amico ci va ogni giorno. :) ha una videoteca da oltre diecimila titoli. :o
"Ti ha lasciato un figlio, Foster Wallace, tre maglioni
E queste cazzo di parole senza senso dentro le canzoni"

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » mar mar 07, 2017 4:54 pm

Burano ha scritto:Intanto, presso Trenitalia, da questo mese le nuove tecnologie hanno decuplicato il tempo necessario per il controllo dei biglietti a bordo: prima il controllore guardava e punzonava, ora deve prendere ogni biglietto e appoggiarlo su un tablet che spesso si impalla o legge male. Stamani dieci minuti per fare uno scompartimento da venti posti :o poi tra pochi anni ci penserà un drone al controllo e la figura del capotreno scomparirà. ..nel frattempo però va così.

Detta cosi' l'uso del tablet sembra assurdo. Immagino che la ragione sia che ora il biglietto si puo' fare in vari modi, cartaceo alla stazione ma anche elettronico, stampato dall'utente oppure con un codice a barre sul telefonino, e i controllori facevano fatica a verificare tutti i biglietti in modo diverso.
E' perche' e' un paese di vecchi, tecnologicamente arcaico, dove tutto e' fatto in funzione della vecchietta ottantenne che deve per forza fare il biglietto allo sportello (e paga solo in contanti).
Quando basterebbe usare una app sul telefonino, o ancora meglio, una card tipo la Oyster che c'e' a Londra, e che si usa anche per viaggiare sui treni locali, per semplificare moltissimo tutto.
Poi da noi si sa bene come sara' andato l'appalto per il tablet e il suo software, con quali criteri sara' stato scelto il progetto, e come sara' stato portato avanti... :-)
Del resto avete mai usato la macchina self service di Trenitalia per i biglietti? Sembra progettata da un sadico... si passa da almeno 12 schermate prima di poter avere il biglietto, ci vogliono almeno 2 o 3 minuti (mezzo minuto buono solo per la stampa). Tu sei li' che hai fretta, che perdi il treno, e lei ti chiede ogni volta che tipo di carta hai, e persino se vuoi lasciare qualcosa in beneficienza. Negli altri paesi fai il biglietto in 20 secondi.
Detto? UCarcamagnu!

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 104275
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Nickognito » mar mar 07, 2017 7:17 pm

Quando prendo il treno, di solito succede cosi'
Controllore: 'biglietto'
Io: -le dico il codice'
Controllore: (in meno di dieci secondi, guardando il posto dove siedo) Mi dica la penultima lettera

Io gliela dico e li' finisce.

Il problema e' che ho preso 4 biglietti di treno per firenze bologna per via dei ritardi e dell' aereo che partiva, e i 3/4 dei treni erano in ritardo.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 31091
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda BackhandWinner » gio mar 09, 2017 12:34 am

uglygeek ha scritto:
Burano ha scritto:Intanto, presso Trenitalia, da questo mese le nuove tecnologie hanno decuplicato il tempo necessario per il controllo dei biglietti a bordo: prima il controllore guardava e punzonava, ora deve prendere ogni biglietto e appoggiarlo su un tablet che spesso si impalla o legge male. Stamani dieci minuti per fare uno scompartimento da venti posti :o poi tra pochi anni ci penserà un drone al controllo e la figura del capotreno scomparirà. ..nel frattempo però va così.

Detta cosi' l'uso del tablet sembra assurdo. Immagino che la ragione sia che ora il biglietto si puo' fare in vari modi, cartaceo alla stazione ma anche elettronico, stampato dall'utente oppure con un codice a barre sul telefonino, e i controllori facevano fatica a verificare tutti i biglietti in modo diverso.
E' perche' e' un paese di vecchi, tecnologicamente arcaico, dove tutto e' fatto in funzione della vecchietta ottantenne che deve per forza fare il biglietto allo sportello (e paga solo in contanti).
Quando basterebbe usare una app sul telefonino, o ancora meglio, una card tipo la Oyster che c'e' a Londra, e che si usa anche per viaggiare sui treni locali, per semplificare moltissimo tutto.
Poi da noi si sa bene come sara' andato l'appalto per il tablet e il suo software, con quali criteri sara' stato scelto il progetto, e come sara' stato portato avanti... :-)
Del resto avete mai usato la macchina self service di Trenitalia per i biglietti? Sembra progettata da un sadico... si passa da almeno 12 schermate prima di poter avere il biglietto, ci vogliono almeno 2 o 3 minuti (mezzo minuto buono solo per la stampa). Tu sei li' che hai fretta, che perdi il treno, e lei ti chiede ogni volta che tipo di carta hai, e persino se vuoi lasciare qualcosa in beneficienza. Negli altri paesi fai il biglietto in 20 secondi.

Cristo, sì, esattamente. #1#
Sulle machinette self-service: una mia personale disfunzione psicologica mi impedisce di percepire in modo efficace la dimensione spazio-temporale, perciò io parto dal punto dove mi trovo più o menop all'ora nella quale devo arrivare a destinazione (forse da piccolo credevo fortissimamente al teletrasporto e ho finito per autoconvincermi di avere questo potere...). Il mio ritardo, insomma, di norma è uguale (non: proporzionale, proprio 'pari a' :D ) al tempo necessario per arrivare dal punto di partenza a quello di destinzione. Quindi si può facilmente immaginare la fretta che ho normalmente nel fare il biglietto del treno (quelle poche volte che, per un motivo o per l'altro, non l'ho già comprato online)...
Però devo dire che ho imparato presto a fronteggiare il fuoco di fila di domande/avvisi demenziali della macchina: di solito me la cavo in effetti in meno di un minuto, lenta digestione del pagamento con carta inclusa.
Per dire, mi trovo più spesso a inveire a voce alta contro i bancomat, per quegli interminabili due minuti necessari per completare tutta l'operazione. Operazione poi, questa l'aggravante molto seria, idiota come poche: basta con questo inutile, assurdo contante, bastaaaaaa...
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 10676
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda paoolino » ven mar 17, 2017 1:59 pm

Caro direttore, in questi giorni in cui si parla di voucher, le scrivo per raccontarle che cosa succede a una microimpresa come la mia, finora senza dipendenti, che decide di assumere un lavoratore stagionale a tempo determinato. Nel mio caso si tratta della ragazza delle pulizie che l’anno scorso ha lavorato per me con i voucher e che, prima ancora che si annunciassero tutti questi cambiamenti, avevo già deciso di confermare con un contratto per l’estate 2017, per fare le cose perbene e perché se lo merita. Il contratto sarà per 3 mesi e 15 giorni, part time, 20 ore settimanali.
Ecco però cosa mi succede ora: io divento — giustamente — datore di lavoro e, ai sensi del D.Lgs 81/08, ho tutta una serie di adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro da rispettare, soprattutto corsi da frequentare. Nel mio caso specifico (azienda a rischio basso) mi aspettano: 16 ore corso Rspp (responsabile servizio prevenzione e protezione); 12 ore corso primo soccorso; 4 ore corso antincendio; 20 ore di corso per la sicurezza alimentare (solo per il fatto di essere titolare di un’attività dove si maneggiano alimenti preparati da altre aziende già a loro volta sicure e certificate: sostanzialmente metto in tavola prodotti confezionati e preparo caffé e cappuccino); 8 ore di corso di sicurezza sul lavoro per la dipendente; 32 ore di corso Rls (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) sempre per la dipendente.
Oltre ai corsi — che non hanno durata eterna ma vanno aggiornati — dovrò produrre il Dvr (documento valutazione dei rischi): si tratta di un documento tecnico che ovviamente non posso fare io ma dovrò commissionare a un consulente. La mia è un’attività a basso rischio, questi sono quindi gli adempimenti minimi per chi decide di assumere. La formazione in materia di sicurezza sul lavoro è sacrosanta e non è mai abbastanza, ma forse occorrerebbe distinguere. Questi obblighi valgono anche per un negoziante che decide di assumere una commessa, un commercialista che assume una segretaria quando ha picchi di lavoro, ecc. La spesa da sostenere per questa formazione obbligatoria non è assolutamente in proporzione non solo alle forze di una microimpresa, ma neppure a quanto poi guadagnerà il lavoratore. Infatti valgono gli stessi obblighi anche se il contratto a tempo determinato è di 15 giorni. L’industria turistica, soprattutto al Sud, vive di stagionalità e di picchi di lavoro per 2-3 settimane all’anno. Io farò tutto quello che devo e alcuni corsi li ho già conclusi, ma con tutti questi obblighi sarebbe molto più facile fare un passo indietro e tenere il lavoratore in nero piuttosto che farne uno in avanti e regolarizzarlo. (Lettera firmata)

(corriere.it)
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 10658
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Rosewall » ven mar 17, 2017 3:51 pm

al di là del merito della questione, la via che il pd intende percorrere è grottesca e paracula (oltre che masochistica per lo stesso pd).
Cioè, questi eliminano i voucher del tutto, fanno saltare il referendum, e poi li ripresentano con un altro nome e riveduti e corretti.

Ora, è del tutto evidente che i promotori del referendum saranno contrari anche alla versione col nome cambiato, sia pure riveduta e corretta (non per capriccio ma coerentemente a quanto sostengono adesso).
Dunque dovrebbero raccogliere nuovamente le firme per un nuovo referendum, accusando (giustamente) il pd di aver preso per il cul o i tre milioni di italiani che hanno firmato per il referendum (ma pure gli altri).
Insomma, gli strateghi del pd vogliono tenere i voucher apportando alcune modifiche. Senza giudicare se sia giusta o meno l'idea, questa è la loro idea dichiarata. Bè, dei politici normali - ma anche sub-normali, che abbiano l'idea di tenere i voucher apportando alcune modifiche, bè, molto semplicemente, terrebbero i voucher apportando alcune modifiche.
E quindi attenderebbero serenamente l'esito referendario che stabilirebbe se restano (modificati) oppure si sopprimono interamente.
Il PD invece preferisce questa soluzione priva della benchè minima decenza politica, ma anche intelligenza.
Boh, per me in quest'ultimo triennio il pd è stato il peggior partito di governo dal dopoguerra ad oggi.

E per curiosità, Alfano (ahahah) che dice? Cioè, interviene solo per segare le adozioni?
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 18794
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda NNick87 » ven mar 17, 2017 5:13 pm

uglygeek ha scritto:
Burano ha scritto:Intanto, presso Trenitalia, da questo mese le nuove tecnologie hanno decuplicato il tempo necessario per il controllo dei biglietti a bordo: prima il controllore guardava e punzonava, ora deve prendere ogni biglietto e appoggiarlo su un tablet che spesso si impalla o legge male. Stamani dieci minuti per fare uno scompartimento da venti posti :o poi tra pochi anni ci penserà un drone al controllo e la figura del capotreno scomparirà. ..nel frattempo però va così.

Detta cosi' l'uso del tablet sembra assurdo. Immagino che la ragione sia che ora il biglietto si puo' fare in vari modi, cartaceo alla stazione ma anche elettronico, stampato dall'utente oppure con un codice a barre sul telefonino, e i controllori facevano fatica a verificare tutti i biglietti in modo diverso.
E' perche' e' un paese di vecchi, tecnologicamente arcaico, dove tutto e' fatto in funzione della vecchietta ottantenne che deve per forza fare il biglietto allo sportello (e paga solo in contanti).
Quando basterebbe usare una app sul telefonino, o ancora meglio, una card tipo la Oyster che c'e' a Londra, e che si usa anche per viaggiare sui treni locali, per semplificare moltissimo tutto.
Poi da noi si sa bene come sara' andato l'appalto per il tablet e il suo software, con quali criteri sara' stato scelto il progetto, e come sara' stato portato avanti... :-)
Del resto avete mai usato la macchina self service di Trenitalia per i biglietti? Sembra progettata da un sadico... si passa da almeno 12 schermate prima di poter avere il biglietto, ci vogliono almeno 2 o 3 minuti (mezzo minuto buono solo per la stampa). Tu sei li' che hai fretta, che perdi il treno, e lei ti chiede ogni volta che tipo di carta hai, e persino se vuoi lasciare qualcosa in beneficienza. Negli altri paesi fai il biglietto in 20 secondi.


Totalmente d'accordo su tranne che sull'ultima frase. Almeno in Belgio e Olanda (provato questa estate) le biglietterie automatiche sono piuttosto cervellotiche.
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 15408
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda alessandro » ven mar 17, 2017 5:22 pm

paoolino ha scritto:Caro direttore, in questi giorni in cui si parla di voucher, le scrivo per raccontarle che cosa succede a una microimpresa come la mia, finora senza dipendenti, che decide di assumere un lavoratore stagionale a tempo determinato. Nel mio caso si tratta della ragazza delle pulizie che l’anno scorso ha lavorato per me con i voucher e che, prima ancora che si annunciassero tutti questi cambiamenti, avevo già deciso di confermare con un contratto per l’estate 2017, per fare le cose perbene e perché se lo merita. Il contratto sarà per 3 mesi e 15 giorni, part time, 20 ore settimanali.
Ecco però cosa mi succede ora: io divento — giustamente — datore di lavoro e, ai sensi del D.Lgs 81/08, ho tutta una serie di adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro da rispettare, soprattutto corsi da frequentare. Nel mio caso specifico (azienda a rischio basso) mi aspettano: 16 ore corso Rspp (responsabile servizio prevenzione e protezione); 12 ore corso primo soccorso; 4 ore corso antincendio; 20 ore di corso per la sicurezza alimentare (solo per il fatto di essere titolare di un’attività dove si maneggiano alimenti preparati da altre aziende già a loro volta sicure e certificate: sostanzialmente metto in tavola prodotti confezionati e preparo caffé e cappuccino); 8 ore di corso di sicurezza sul lavoro per la dipendente; 32 ore di corso Rls (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) sempre per la dipendente.
Oltre ai corsi — che non hanno durata eterna ma vanno aggiornati — dovrò produrre il Dvr (documento valutazione dei rischi): si tratta di un documento tecnico che ovviamente non posso fare io ma dovrò commissionare a un consulente. La mia è un’attività a basso rischio, questi sono quindi gli adempimenti minimi per chi decide di assumere. La formazione in materia di sicurezza sul lavoro è sacrosanta e non è mai abbastanza, ma forse occorrerebbe distinguere. Questi obblighi valgono anche per un negoziante che decide di assumere una commessa, un commercialista che assume una segretaria quando ha picchi di lavoro, ecc. La spesa da sostenere per questa formazione obbligatoria non è assolutamente in proporzione non solo alle forze di una microimpresa, ma neppure a quanto poi guadagnerà il lavoratore. Infatti valgono gli stessi obblighi anche se il contratto a tempo determinato è di 15 giorni. L’industria turistica, soprattutto al Sud, vive di stagionalità e di picchi di lavoro per 2-3 settimane all’anno. Io farò tutto quello che devo e alcuni corsi li ho già conclusi, ma con tutti questi obblighi sarebbe molto più facile fare un passo indietro e tenere il lavoratore in nero piuttosto che farne uno in avanti e regolarizzarlo. (Lettera firmata)

(corriere.it)


Credo che i corsi siano obbligatori anche se assumi coi voucher, ma sono certo che i corsi e la visita medica sia obbligatoria per la persona che prendi a voucher.
Devi quindi pagagli la visita medica con un medico del lavoro e i corsi necessari, haccp se maneggia cibi e i corsi sulla sicurezza.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » lun apr 03, 2017 7:10 am

Detto? UCarcamagnu!

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 10658
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Rosewall » sab apr 08, 2017 2:52 pm

https://www.bloomberg.com/news/features/2017-03-23/inside-alabama-s-auto-jobs-boom-cheap-wages-little-training-crushed-limbs

Regina Elsea was a year old in 1997 when the first vehicle rolled off the Mercedes-Benz assembly line near Tuscaloosa. That gleaming M-Class SUV was historic. Alabama, the nation’s fifth-poorest state, had wagered a quarter-billion dollars in tax breaks and other public giveaways to land the first major Mercedes factory outside Germany. Toyota, Honda, and Hyundai followed with Alabama plants of their own. Kia built a factory just over the border in West Point, Ga. The auto parts makers came next. By the time Elsea and her five siblings were teenagers, the country roads and old cotton fields around their home had come alive with 18-wheelers shuttling instruments and stamped metal among the car plants and 160 parts suppliers that had sprouted up across the state.

A good student, Elsea loved reading, horses, and dogs, especially her Florida cracker cur, named Cow. She dreamed of becoming a pediatrician. She enrolled in community college on a federal Pell Grant, with plans to transfer to Auburn University, about 30 miles from her home in Five Points. But she fell in love with a kindergarten sweetheart, who’d become a stocker at a local Walmart, and dropped out of school to make money so they could rent their own place.

Elsea went to work in February 2016 at Ajin USA in Cusseta, Ala., the same South Korean supplier of auto parts for Hyundai and Kia where her sister and stepdad worked. Her mother, Angel Ogle, warned her against it. She’d worked at two other parts suppliers in the area and found the pace and pressure unbearable.

Elsea was 20 and not easily deterred. “She thought she was rich when she brought home that first paycheck,” Ogle says. Elsea and her boyfriend got engaged. She worked 12-hour shifts, seven days a week, hoping to move from temporary status at Ajin to full time, which would bring a raise from $8.75 an hour to $10.50. College can wait, she told her mom and stepdad.

On June 18, Elsea was working the day shift when a computer flashed “Stud Fault” on Robot 23. Bolts often got stuck in that machine, which mounted pillars for sideview mirrors onto dashboard frames. Elsea was at the adjacent workstation when the assembly line stopped. Her team called maintenance to clear the fault, but no one showed up. A video obtained by the Occupational Safety and Health Administration shows Elsea and three co-workers waiting impatiently. The team had a quota of 420 dashboard frames per shift but seldom made more than 350, says Amber Meadows, 23, who worked beside Elsea on the line. “We were always trying to make our numbers so we could go home,” Meadows says. “Everybody was always tired.”


After several minutes, Elsea grabbed a tool—on the video it looks like a screwdriver—and entered the screened-off area around the robot to clear the fault herself. Whatever she did to Robot 23, it surged back to life, crushing Elsea against a steel dashboard frame and impaling her upper body with a pair of welding tips. A co-worker hit the line’s emergency shut-off. Elsea was trapped in the machine—hunched over, eyes open, conscious but speechless.

No one knew how to make the robot release her. The team leader jumped on a forklift and raced across the factory floor to the break room, where he grabbed a maintenance man and drove him back on his lap. The technician, from a different part of the plant, had no idea what to do. Tempers erupted as Elsea’s co-workers shoved the frightened man, who was Korean and barely spoke English, toward the robot, demanding he make it retract. He fought them off and ran away, Meadows says. When emergency crews arrived several minutes later, Elsea was still stuck. The rescue workers finally did what Elsea had failed to do: locked out the machine’s emergency power switch so it couldn’t reenergize again—a basic precaution that all factory workers are supposed to take before troubleshooting any industrial robot. Ajin, according to OSHA, had never given the workers their own safety locks and training on how to use them, as required by federal law. Ajin is contesting that finding.

An ambulance took Elsea to a nearby hospital; from there she was flown by helicopter to a trauma center in Birmingham. She died the next day. Her mom still hasn’t heard a word from Ajin’s owners or senior executives. They sent a single artificial flower to her funeral.


Immagine
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 37303
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Johnny Rex » lun apr 24, 2017 10:47 am

http://milano.corriere.it/notizie/crona ... 746d.shtml

Giusta Citofonata a Nickognito, amcio delle Grandi Aziende che tutelano più delle Piccole aziende :)

"Strategia Globale" credo che possa prendere il posto dell'altra grande espressione "Vasto programma" .

F.F.
Sono Inavvicinabili

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 104275
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Nickognito » lun apr 24, 2017 10:51 am

Johnny Rex ha scritto:http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_24/pavia-multinazionale-marvell-ingegneri-licenziati-azienda-3aeed032-285e-11e7-b6aa-7d1d46c4746d.shtml

Giusta Citofonata a Nickognito, amcio delle Grandi Aziende che tutelano più delle Piccole aziende :)

"Strategia Globale" credo che possa prendere il posto dell'altra grande espressione "Vasto programma" .

F.F.


certo, anche da me stanno licenziando tutti. Uno se preferisce puo' farsi assumere altrove....
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » gio apr 27, 2017 10:48 am

Detto? UCarcamagnu!

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » mar mag 02, 2017 5:43 pm

Detto? UCarcamagnu!

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 10676
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda paoolino » gio mag 18, 2017 10:27 am

Ieri pomeriggio un mio dipendente con contratto a tempo indeterminato è venuto da me e mi ha detto:

"Paolo, ho trovato un altro lavoro. Da Lunedì me ne vado perché devo prendere servizio dall'altra parte. Scusami l'ho saputo solo oggi prima di pranzo e se non comincio da lunedì, non mi assumerebbero."

Mercoledì pomeriggio per il lunedì successivo.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
tuborovescio
Saggio
Messaggi: 7620
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda tuborovescio » gio mag 18, 2017 12:38 pm

paoolino ha scritto:Ieri pomeriggio un mio dipendente con contratto a tempo indeterminato è venuto da me e mi ha detto:

"Paolo, ho trovato un altro lavoro. Da Lunedì me ne vado perché devo prendere servizio dall'altra parte. Scusami l'ho saputo solo oggi prima di pranzo e se non comincio da lunedì, non mi assumerebbero."

Mercoledì pomeriggio per il lunedì successivo.


Hai provato ad offrirgli di più? #100#

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 31091
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda BackhandWinner » gio mag 18, 2017 12:57 pm

tuborovescio ha scritto:
paoolino ha scritto:Ieri pomeriggio un mio dipendente con contratto a tempo indeterminato è venuto da me e mi ha detto:

"Paolo, ho trovato un altro lavoro. Da Lunedì me ne vado perché devo prendere servizio dall'altra parte. Scusami l'ho saputo solo oggi prima di pranzo e se non comincio da lunedì, non mi assumerebbero."

Mercoledì pomeriggio per il lunedì successivo.


Hai provato ad offrirgli di più? #100#

E' il libero mercato, bellezza #100#
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » gio mag 18, 2017 3:58 pm

BackhandWinner ha scritto:
tuborovescio ha scritto:
paoolino ha scritto:Ieri pomeriggio un mio dipendente con contratto a tempo indeterminato è venuto da me e mi ha detto:

"Paolo, ho trovato un altro lavoro. Da Lunedì me ne vado perché devo prendere servizio dall'altra parte. Scusami l'ho saputo solo oggi prima di pranzo e se non comincio da lunedì, non mi assumerebbero."

Mercoledì pomeriggio per il lunedì successivo.


Hai provato ad offrirgli di più? #100#

E' il libero mercato, bellezza #100#

Infatti! paaolino, sei cosi' liberista e poi te la prendi se il dipendente si dimette senza preavviso se il suo contratto evidentemente non prevede preavviso? Eh no caro, se il lavoro e' una merce, allora e' una merce in entrambe le direzioni.

Sembra quasi che ti stupisca che qualcuno possa lasciare un posto a tempo indeterminato... ma se ne ha trovato uno migliore meglio per lui no? Se il mercato del lavoro funzionasse la gente lascerebbe posti fissi continuamente.

Poi i datori di lavoro italiani sono incredibili... ho avuto amici programmatori che hanno comunicato che lasciavano il posto fisso in una piccola azienda genovese, dove prendevano meno di 2000 euro al mese, dicendo:
"Mi dimetto, mi hanno preso in Google, per ora in Svizzera poi negli Stati Uniti"
"Ma come ti dimetti, ma perche'?"
"Lo stipendio e' 5 volte piu' alto, poi e' Google..."
"Ma non pensi alle opportunita' che lasci qui? Grandi opportunita' di crescita... carriera... siamo una grande famiglia... yadda yadda."
Insomma a sentire loro facevano una cazzata ad andare in Google. A ripensarci ancora non ci credono.

Nel mio lavoro ho notato una netta differenza tra paese e paese sul preavviso. Qui negli States si puo' licenziare facilmente e con poco preavviso, ma anche i lavoratori lasciano con un preavviso minimo, e del resto si da' per scontato che una volta in preavviso sarebbero demotivati quindi non conviene a nessuno prolungare questo tempo.
Detto? UCarcamagnu!

Avatar utente
balbysauro
Massimo Carbone
Messaggi: 45484
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda balbysauro » gio mag 18, 2017 4:08 pm

quando qualcuno che lavora con noi ci dà il preavviso lo mettiamo subito in ferie, che in quei giorni tanto combinerebbe solo danni (o peggio)

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 10676
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda paoolino » gio mag 18, 2017 4:38 pm

uglygeek ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:
tuborovescio ha scritto:
Hai provato ad offrirgli di più? #100#

E' il libero mercato, bellezza #100#

Infatti! paaolino, sei cosi' liberista e poi te la prendi se il dipendente si dimette senza preavviso se il suo contratto evidentemente non prevede preavviso? Eh no caro, se il lavoro e' una merce, allora e' una merce in entrambe le direzioni.


Benissimo: vediamo che succede se il mercoledì pomeriggio vado da qualcuno e gli dico: guarda da lunedì puoi anche non venire.

Vuole cambiare lavoro? Benissimo. Lo facesse pure, non siamo incatenati nè mi offende la cosa.

La cosa che mi infastidisce è la mancanza di rispetto nel dirlo con due giorni lavorativi e mezzo di anticipo e non tanto nei miei confronti, quanto nei confronti dei suoi colleghi più diretti, senza dare l'opportunità di programmare un passaggio di consegne un minimo strutturato.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Avatar utente
uglygeek
Saggio
Messaggi: 9944
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr - Dar al-Harb

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda uglygeek » gio mag 18, 2017 5:19 pm

paoolino ha scritto:
uglygeek ha scritto:
BackhandWinner ha scritto:E' il libero mercato, bellezza #100#

Infatti! paaolino, sei cosi' liberista e poi te la prendi se il dipendente si dimette senza preavviso se il suo contratto evidentemente non prevede preavviso? Eh no caro, se il lavoro e' una merce, allora e' una merce in entrambe le direzioni.


Benissimo: vediamo che succede se il mercoledì pomeriggio vado da qualcuno e gli dico: guarda da lunedì puoi anche non venire.

Vuole cambiare lavoro? Benissimo. Lo facesse pure, non siamo incatenati nè mi offende la cosa.

La cosa che mi infastidisce è la mancanza di rispetto nel dirlo con due giorni lavorativi e mezzo di anticipo e non tanto nei miei confronti, quanto nei confronti dei suoi colleghi più diretti, senza dare l'opportunità di programmare un passaggio di consegne un minimo strutturato.

Non e' la stessa cosa, lo sai benissimo, il datore di lavoro e' in una posizione di forza e quindi ha piu' doveri. Del resto, non puoi licenziare qualcuno su due piedi perche' c'e' una legge, se non ci fosse una legge lo faresti.
Poi e' il fatto che cambi lavoro che un po' ti offende, anche se dici di no, si vede benissimo.
Per il breve preavviso, l'hai spiegato tu che non aveva poi scelta. Che alternativa aveva il tuo dipendente? Dare le dimissioni un mese fa senza sapere se avrebbe ottenuto il nuovo posto? Rinunciare ad un lavoro migliore perche' non poteva darti un preavviso piu' lungo? Mettiti nei suoi panni.
Dipende anche dal contratto no? Io ho dovuto dare due mesi di preavviso per legge.
Detto? UCarcamagnu!

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 10676
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda paoolino » gio mag 18, 2017 5:23 pm

uglygeek ha scritto:
Poi e' il fatto che cambi lavoro che un po' ti offende, si vede benissimo.


Francamente di questo non me ne sbatte una mazza. Poi puoi anche non crederci, ma è così.
Sono i tempi e i modi che discuto.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 104275
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Nickognito » gio mag 18, 2017 5:48 pm

Boh, dove lavoro io, tutti a tempo indeterminato, si licenziano una decina di persone al mese. Qua per leggi devi dare due-tre mesi di preavviso, ma se la nuova azienda ti prende senza preavviso, la vecchia azienda puo' farti causa, ma francamente non lo fa quasi mai. Ma spesso le nuove, in caso, non ti fanno il contratto.

Personalmente sono contrario a quei contratti in cui un dipendente puo' andarsene senza preavviso. E' anche vero che in diversi paesi con alto tasso di disoccupazione trovi con difficolta' chi ti assuma dandoti 2-3 mesi di tempo. Se non sei disponibile subito, spesso non ti prendono.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Burano
Saggio
Messaggi: 5753
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Burano » ven mag 19, 2017 6:04 am

Il preavviso è sensato per chi ha l'indeterminato.
gli altri è sacrosanto che se trovano un'opportunità da prendere al volo, lo facciano senza dover rischiare di perderla per aver dovuto dare preavviso per un lavoro il cui contratto magari gli scade tra sei mesi.
Lo voglio rivedere, Fabio

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 104275
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: E il lavoro dov'è?

Messaggioda Nickognito » ven mag 19, 2017 7:36 am

Burano ha scritto:Il preavviso è sensato per chi ha l'indeterminato.
gli altri è sacrosanto che se trovano un'opportunità da prendere al volo, lo facciano senza dover rischiare di perderla per aver dovuto dare preavviso per un lavoro il cui contratto magari gli scade tra sei mesi.

Il preavviso è sensato per tutti, mentre è meno sensato voler assumere uno da um giorno a un altro. Per me è normale che succeda come per le case in affitto, per dire. Poi fosse per me esisterebbe quasi solo indeterminato con possibilità di licenziare
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti