In Memoria

Dibattito sulla vita sociale, sui problemi politici e sui microchip nei vaccini
Avatar utente
Monheim
Saggio
Messaggi: 7771
Iscritto il: mer lug 18, 2018 3:19 pm
Località: Hobb's End

Re: In Memoria

Messaggioda Monheim » mer set 02, 2020 10:25 am

chiaky ha scritto:E' morto Philippe Daverio di tumore.
Pare avesse nascosto a tutti la malattia, ma ultimamente lo vedevo estremamente smagrito e sofferente.
RIP

#1#

Come già detto nel topic apposito, lo beccai in Duomo a Milano una decina di anni fa e carinamente si prestò per una foto.
Aruta meglio di Batistuta

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » dom set 06, 2020 1:59 am

Gary Peacock, splendido contrabassista, da una vita in trio con Keith Jarrett e Jack DeJohnette

rob
Saggio
Messaggi: 9168
Iscritto il: lun set 16, 2002 2:00 am
Località: Savona

Re: In Memoria

Messaggioda rob » mer set 09, 2020 10:08 pm

balbysauro ha scritto:Gary Peacock, splendido contrabassista, da una vita in trio con Keith Jarrett e Jack DeJohnette


La notizia circolava sabato e inizialmente Wikipedia in lingua inglese aveva indicato come data di morte il 5 settembre. Poi erano sorti dubbi sulla veridicità della notizia per arrivare, purtroppo, alla conferma lunedì sui siti americani non più il 5, ma il giorno prima.
Sì Peacock è stato il contrabbassista di Keith Jarrett, membro di quello che è comunemente conosciuto come "Standard Trio" completato da DeJohnette.
È stato anche molto altro. Negli anni Sessanta, in piena temperie free jazz suonò con il grandissimo Albert Ayler.
Si ricorda un sodalizio importante con il pianista canadese Paul Bley anche qui alle prese con la cosiddetta avanguardia. C'è poi una cospicua carriera solista di cui viene citato nei necrologi, alcuni costellati di imprecisioni come spesso succede in fatto di jazz in Italia, un album del 1977 che lo vide per la prima volta con Jarrett e DeJohnette.
Vanno citati almeno due favolosi album del batterista Tony Williams incisi a metà anni Sessanta quando egli era poco più che adolescente intitolati rispettivamente "Lifetime" e "Spring" nei quali Peacock svetta per assoluta maestria.
Inoltre c'è un album uscito nel '94 di Chick Corea in quartetto al Festival di Montreux con altri giganti quali Joe Henderson e Roy Haynes. Con il pianista italo-americano ci sono poche collaborazioni, ma quella serata a Montreux nell' estate 1981 fu particolarmente esaltante.
Ultima modifica di rob il mer set 09, 2020 11:13 pm, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » mer set 09, 2020 10:10 pm

rob ha scritto:
balbysauro ha scritto:Gary Peacock, splendido contrabassista, da una vita in trio con Keith Jarrett e Jack DeJohnette


La notizia circolava sabato e inizialmente Wikipedia in lingua inglese aveva indicato come data di morte il 5 settembre. Poi erano sorti dubbi sulla veridicità della notizia per arrivare, purtroppo, alla conferma lunedì sui siti americani non più il 5, ma il giorno prima.
Sì Peacock è stato il contrabbassista di Keith Jarrett, membro di quello che è comunemente conosciuto come "Standard Trio" completato da DeJohnette.
È stato anche molto altro. Negli anni Sessanta, in piena temperie free jazz suonò con il grandissimo Albert Ayler.
Si ricorda un sodalizio importante con il pianista canadese Paul Bley anche qui alle prese con la cosiddetta avanguardia. C'è poi una cospicua carriera solista di cui viene citato nei necrologiun album del 1977 che lo vide per la prima volta con Jarrett e DeJohnette.
Infine, vanno citati almeno due favolosi album del batterista Tony Williams incisi a metà anni Sessanta quando egli era poco più che adolescente intitolati rispettivamente "Lifetime" e "Spring".


sai che io avrò 1/100 delle tue conoscenze :oops:
oltre a quanto fatto nello Standard Trio non conosco molto altro

rob
Saggio
Messaggi: 9168
Iscritto il: lun set 16, 2002 2:00 am
Località: Savona

Re: In Memoria

Messaggioda rob » mer set 09, 2020 10:25 pm

balbysauro ha scritto:
rob ha scritto:
balbysauro ha scritto:Gary Peacock, splendido contrabassista, da una vita in trio con Keith Jarrett e Jack DeJohnette


La notizia circolava sabato e inizialmente Wikipedia in lingua inglese aveva indicato come data di morte il 5 settembre. Poi erano sorti dubbi sulla veridicità della notizia per arrivare, purtroppo, alla conferma lunedì sui siti americani non più il 5, ma il giorno prima.
Sì Peacock è stato il contrabbassista di Keith Jarrett, membro di quello che è comunemente conosciuto come "Standard Trio" completato da DeJohnette.
È stato anche molto altro. Negli anni Sessanta, in piena temperie free jazz suonò con il grandissimo Albert Ayler.
Si ricorda un sodalizio importante con il pianista canadese Paul Bley anche qui alle prese con la cosiddetta avanguardia. C'è poi una cospicua carriera solista di cui viene citato nei necrologiun album del 1977 che lo vide per la prima volta con Jarrett e DeJohnette.
Infine, vanno citati almeno due favolosi album del batterista Tony Williams incisi a metà anni Sessanta quando egli era poco più che adolescente intitolati rispettivamente "Lifetime" e "Spring".


sai che io avrò 1/100 delle tue conoscenze :oops:
oltre a quanto fatto nello Standard Trio non conosco molto altro


https://www.npr.org/2020/09/07/91005499 ... 9682731943

Ma figurati! È solo passione fortificata anche da conoscenze indirette tramite altri appassionati spesso stranieri da cui ho modo di apprendere notizie più approfondite di quelle date dai media nazionali salve alcune lodevoli eccezioni..
Il link di NPR è interessante.

Burano
Saggio
Messaggi: 8418
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: In Memoria

Messaggioda Burano » dom set 20, 2020 3:38 pm

Rossana Rossanda. Gran donna.
Di lei lessi questo, anni fa

Immagine

Immagine
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 65424
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda tennisfan82 » dom set 20, 2020 7:10 pm

Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » lun set 21, 2020 8:18 am

Il celebre editoriale del sequestro Moro:

Stampa e radio si sono piegate febbrilmente, il giorno di Pasqua, sul secondo messaggio delle Brigate rosse come su un palinsesto da decifrare.

Siccome sulle cose che contano – se Moro sia vivo, se lo libereranno e a quali condizioni – non dice niente, i commentatori ne hanno dedotto che è invece interessantissimo politicamente.

Lo hanno trovato: a) ricco di novità, b) tale da accattivarsi le simpatie della nuova sinistra (i più gentili), o da esserne senz’altro il frutto (i più maliziosi).

Perché? Perché sviluppa un vasto attacco alla democrazia cristiana, cosa che nella vecchia sinistra non è più di moda.

Ma quando mai è stato di moda nella sinistra nuova? Nel 1968 essa nacque accusando, a torto o a ragione, i partiti operai di essersi dati come solo nemico la dc, mentre era il sistema nel suo complesso che bisognava disvelare e demolire.

Nel 1977, il movimento ha avuto per nemico tutto «lo stato», e in particolare i riformisti perché vi ingabbiavano le masse. Per una sola breve fase la nuova sinistra (meglio i gruppi) scoprirono la dc, e fu nel 1972 con Fanfani.

In verità, chiunque sia stato comunista negli anni cinquanta riconosce di colpo il nuovo linguaggio delle Br. Sembra di sfogliare l’album di famiglia: ci sono tutti gli ingredienti che ci vennero propinati nei corsi Stalin e Zdanov di felice memoria.
Il mondo – imparavamo allora – è diviso in due.

Da una parte sta l’imperialismo, dall’altra il socialismo. L’imperialismo agisce come centrale unica del capitale monopolistico internazionale (allora non si diceva «multinazionali»). Gli stati erano «il comitato d’affari» locale dell’imperialismo internazionale. In Italia il partito di fiducia – l’espressione è di Togliatti – ne era la dc.

In questo quadro, appena meno rozzo, e fortunatamente riequilibrato dalla «doppiezza», cioè dall’intuizione del partito nuovo, la lettura di Gramsci, una pratica di massa diversa, crebbe il militarismo comunista fino agli anni cinquanta.

Vecchio o giovane che sia il tizio che maneggia la famosa Ibm, il suo schema è veterocomunismo puro.

Cui innesta una conclusione che invece veterocomunista non è, e cioè la guerriglia.

In quel contesto infatti essa non funziona.

Se le masse sono manipolate dagli apparati, con quale esercito si fa la rivoluzione? Se il nemico è un potentissimo partito – stato, protetto dall’estero e padrone di tutte le istituzioni, difficile pensare di abbatterlo col cecchinaggio.

E infatti quella posizione aveva, per logica conseguenza, o l’abbassamento del tiro o «Ha da venì Baffone», cioè il rinvio dell’ora X all’esplodere d’una crisi europea, d’una nuova guerra che rovesciasse il rapporto impari di forze.

Tanto è vero che, quando il problema della rivoluzione italiana tornò all’ordine del giorno nella sinistra, nei primi anni sessanta, comportò un’analisi diversa anche della democrazia cristiana, più complessa e insieme più aggredibile; si vide nell’interclassismo cattolico un terreno di disgregazione del vecchio e di riaggregazione, nella lotta di massa, del nuovo blocco storico.

Tutta la spinta a sinistra ne fu alimentata, e ne risentì la stessa Democrazia cristiana, specie nelle fasi in cui si trovò sotto sterzo, cioè nell’estate del 1963 e poi dal 1975 al 1976.

Interessi imperialisti, capitale privato e di stato, stato, partiti, confessionalismo, «luoghi» della dominazione borghese apparvero in continuità, ma non appiattiti; e nel relativo scollamento si riflette la forza d’urto dell’avanzata a sinistra.

Se oggi qualcuno scopre nel testo delle Br una efficace critica della dc, vuol dire che l’arretramento delle idee politiche s’è fatto precipitoso.

Le Br odierne, se pure di loro si tratta, ci hanno contato.

E il partito comunista farebbe bene a misurare lo spazio che ha lasciato scoperto e l’ampiezza di manovra che esso offre.

Consente infatti ai brigatisti di fare degli ammazzamenti, sequestri e ora relativa ideologia, i cardini d’una doppia operazione: far saltare la democrazia cristiana o parte di essa fuori dal «compromesso democratico» e indebolire la credibilità della sinistra, nel momento in cui si attua una destabilizzazione a destra.

da «il manifesto» del 28 marzo 1978, ripubblicato sull’edizione in edicola il 17 marzo 2018



Non è che io ci capisca tantissimo, perché è un linguaggio che presuppone un sacco di teoria politica, ma l'idea di fondo credo sia sempre quella delle BR come compagni che sbagliano. Ma sbagliano soprattutto da un punto di vista tattico/strategico, perché si erano lanciati in una guerriglia che non potevano vincere. Non dal punto di vista politico, perché dicevano cose che, checché ne dicesse il partito, avevano sempre fatto parte del bagaglio ideologico comunista. Era il Partito, il PCI, ad aver perso negli anni la bussola, non i terroristi, secondo la Rossanda.

È un discorso che apprezzo molto per l'onestà intellettuale. È simile ai discorsi dei musulmani che riconoscono che Bin Laden e i suoi non erano psicopatici ma persone molto pie che portavano alle estreme conseguenze le loro idee religiose.
Ultima modifica di uglygeek il lun set 21, 2020 9:24 am, modificato 1 volta in totale.
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12425
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: In Memoria

Messaggioda Rosewall » lun set 21, 2020 9:14 am

mi pare che R.R. dica che la "visione" che emerge dai messaggi delle BR è simile a quella appena meno rozza del pci degli anni cinquanta, che però coerentemente rinunciava alla "rivoluzione" ("Se le masse sono manipolate dagli apparati, con quale esercito si fa la rivoluzione? Se il nemico è un potentissimo partito – stato, protetto dall’estero e padrone di tutte le istituzioni, difficile pensare di abbatterlo col cecchinaggio"), laddove dunque l'azione delle BR contraddice le loro stesse premesse.
R.R. dice poi che nel frattempo la "visione" del PC è maturata, non è più manichea, vedi rapporto con la DC.
Da cui, chi dipinge nel '78 la DC ancora con le categorie degli anni '50 (e delle BR) fa un "arretramento".

Dunque R.R. non inchioda il PC alla sua identità degli anni cinquanta ma riconosce che si è evoluto.
Quindi, nella tua analogia, sarebbe come dire che il terrorismo islamico ha una visione "grezza" simile a quella di certo islam (del passato, di alcuni luoghi), visione lontana da quella dei musulmani "maturi" (o cosiddetti "moderati").

Peraltro R.R. premette nelle prime righe che "le cose che contano" sono altre, e dunque la sua analisi successiva si limita all'aspetto ideologico (affinità e divergenze). Cioè, se anche le ideologie fra BR e PC fossero ancora simili (e secondo lei cosí non è), restano poi le "cose che contano" a marcare una differenza significativa (gli uni sequestrano e ammazzano, gli altri non lo fanno, e dicono di nom farlo).
e se non piangi, di che pianger suoli?

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » lun set 21, 2020 9:29 am

Rosewall ha scritto:R.R. dice poi che nel frattempo la "visione" del PC è maturata, non è più manichea, vedi rapporto con la DC.

Si' ma chi ti dice che questa maturazione e non manicheismo fosse una cosa positiva, per la Rossanda, che aveva lasciato il partito non certo perche' il PCI era troppo di sinistra. Chi ti dice che rinunciare alla rivoluzione fosse una buona cosa per lei? Rossanda fu tra i fondatori de Il Manifesto non a caso nel 1969, in piena frenesia movimentista. https://it.wikipedia.org/wiki/Il_manifesto

Tu stai rivedendo la storia con gli occhi di oggi, devi ripensare a come erano quegli anni.
Dice anche chiaramente che il PCI aveva lasciato troppo spazio a sinistra.

La tua analogia con l'Islam moderato non regge perche' mentre un partito puo' cambiare negli anni una religione, essendo fondata sulla parola immutabile di Dio, ovviamente non puo' e non c'e' ragione per cui il tornare al passato possa essere visto come una cosa negativa. E' la societa' che si deve piegare alla religione, certamente non il contrario.

Stampa e radio si sono piegate febbrilmente, il giorno di Pasqua, sul secondo messaggio delle Brigate rosse come su un palinsesto da decifrare.
Siccome sulle cose che contano – se Moro sia vivo, se lo libereranno e a quali condizioni – non dice niente, i commentatori ne hanno dedotto che è invece interessantissimo politicamente.


Peraltro R.R. premette nelle prime righe che "le cose che contano" sono altre, e dunque la sua analisi successiva si limita all'aspetto ideologico (affinità e divergenze).

E' il comunicato delle BR che non dice niente sulle cose importanti, non la Rossanda.
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » lun set 21, 2020 9:39 am

Comunque sia, non si puo' certo dire che scrivesse per farsi leggere da tutti.
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato-Utente dell' anno 2011
Messaggi: 12318
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: In Memoria

Messaggioda pocaluce » lun set 21, 2020 10:09 am

Rosewall ha scritto:mi pare che R.R. dica che la "visione" che emerge dai messaggi delle BR è simile a quella appena meno rozza del pci degli anni cinquanta, che però coerentemente rinunciava alla "rivoluzione" ("Se le masse sono manipolate dagli apparati, con quale esercito si fa la rivoluzione? Se il nemico è un potentissimo partito – stato, protetto dall’estero e padrone di tutte le istituzioni, difficile pensare di abbatterlo col cecchinaggio"), laddove dunque l'azione delle BR contraddice le loro stesse premesse.
R.R. dice poi che nel frattempo la "visione" del PC è maturata, non è più manichea, vedi rapporto con la DC.
Da cui, chi dipinge nel '78 la DC ancora con le categorie degli anni '50 (e delle BR) fa un "arretramento".

Dunque R.R. non inchioda il PC alla sua identità degli anni cinquanta ma riconosce che si è evoluto.
Quindi, nella tua analogia, sarebbe come dire che il terrorismo islamico ha una visione "grezza" simile a quella di certo islam (del passato, di alcuni luoghi), visione lontana da quella dei musulmani "maturi" (o cosiddetti "moderati").

Peraltro R.R. premette nelle prime righe che "le cose che contano" sono altre, e dunque la sua analisi successiva si limita all'aspetto ideologico (affinità e divergenze). Cioè, se anche le ideologie fra BR e PC fossero ancora simili (e secondo lei cosí non è), restano poi le "cose che contano" a marcare una differenza significativa (gli uni sequestrano e ammazzano, gli altri non lo fanno, e dicono di nom farlo).


l'accusa di veterocomunismo è abbastanza chiara, con gli occhi di oggi e quelli del '78 (che non essendo ancora nato non avevo, ma posso far uno sforzo grazie a letture ed approfondimenti). il discorso dei "compagni che sbagliano" va anch'esso contestualizzato, perché le BR per loro stessa visione programmatica si proponevano di occupare la stessa area politica del PCI (certo più a sinistra, ma l'ideologia fondante nasceva dalle stesse fonti) e pertanto commentatori come la rossanda ed altri coevi non potevano ignorare che una certa condivisione ideologica ci fosse, ma che da questa si arrivasse a conclusioni completamente diverse e con percorsi molto distanti.
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12425
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: In Memoria

Messaggioda Rosewall » lun set 21, 2020 10:49 am

uglygeek ha scritto:
Rosewall ha scritto:R.R. dice poi che nel frattempo la "visione" del PC è maturata, non è più manichea, vedi rapporto con la DC.

Si' ma chi ti dice che questa maturazione e non manicheismo fosse una cosa positiva, per la Rossanda, che aveva lasciato il partito non certo perche' il PCI era troppo di sinistra. Chi ti dice che rinunciare alla rivoluzione fosse una buona cosa per lei? Rossanda fu tra i fondatori de Il Manifesto non a caso nel 1969, in piena frenesia movimentista. https://it.wikipedia.org/wiki/Il_manifesto

Tu stai rivedendo la storia con gli occhi di oggi, devi ripensare a come erano quegli anni.
Dice anche chiaramente che il PCI aveva lasciato troppo spazio a sinistra.

La tua analogia con l'Islam moderato non regge perche' mentre un partito puo' cambiare negli anni una religione, essendo fondata sulla parola immutabile di Dio, ovviamente non puo' e non c'e' ragione per cui il tornare al passato possa essere visto come una cosa negativa. E' la societa' che si deve piegare alla religione, certamente non il contrario.

Stampa e radio si sono piegate febbrilmente, il giorno di Pasqua, sul secondo messaggio delle Brigate rosse come su un palinsesto da decifrare.
Siccome sulle cose che contano – se Moro sia vivo, se lo libereranno e a quali condizioni – non dice niente, i commentatori ne hanno dedotto che è invece interessantissimo politicamente.


Peraltro R.R. premette nelle prime righe che "le cose che contano" sono altre, e dunque la sua analisi successiva si limita all'aspetto ideologico (affinità e divergenze).

E' il comunicato delle BR che non dice niente sulle cose importanti, non la Rossanda.



non ho la competenza per discutere le idee politiche di Rossana Rossanda, ma mi pare comunque che il suo distacco dal PCI fosse proprio in polemica con l'attitudine stalinista e manichea, attitudine che neanche troppo velatamente rimprovera a chi vuol torrnare al passato. "Arretramento" non è una cosa buona. Quindi non ce l'ha qui con Berlinguer ma semmai con la sinistra extra-parlamentare dell'epoca.
e se non piangi, di che pianger suoli?

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12425
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: In Memoria

Messaggioda Rosewall » lun set 21, 2020 11:12 am

uglygeek ha scritto:La tua analogia con l'Islam moderato non regge perche' mentre un partito puo' cambiare negli anni una religione, essendo fondata sulla parola immutabile di Dio, ovviamente non puo' e non c'e' ragione per cui il tornare al passato possa essere visto come una cosa negativa. E' la societa' che si deve piegare alla religione, certamente non il contrario.
l'ampia varietà e modificazione nella "applicazione" dell'Islam nel corso del tempo e fra un posto e l'altra contraddice la tua idea. Ma se l'Islam è troppo lontano, prendiamo pure un'altra religione tipo chessò il cristianesimo. La storia mostra come cristianesimo e società si siano sempre reciprocamente influenzati e come "l'applicazione" del cristianesimo sia sempre variata nel tempo e nello spazio.
Comunque non avevo introdotto io l'analogia con la religione e l'abbandono volentieri perchè troppe sono le differenze.
e se non piangi, di che pianger suoli?

Burano
Saggio
Messaggi: 8418
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: In Memoria

Messaggioda Burano » lun set 21, 2020 10:39 pm

uglygeek ha scritto:
Era il Partito, il PCI, ad aver perso negli anni la bussola, non i terroristi, secondo la Rossanda.
.


:o
Ugly sei roba da querela :)
Come detto da Pocaluce, non negava le medesime basi ideologiche tra br e comunisti (da lì la celebre definizione di Album di famiglia), ma non è che stava a sinistra del pci perché sovversiva. Anzi, la polemica era anti sovietica e anti totalitaria. Non è che uscì dal pci perché questo aveva sotterrato definitivamente i fucili.
Che poi siano persistite nello stesso pci alcune ambiguità praticamente fino alla bolognina, è altro discorso. Formalmente, erano ancora leninisti nonostante la prassi e alla fine perfino la cultura politica fossero ormai parlamentariste e pluraluste.
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » mar set 22, 2020 12:05 am

Rosewall ha scritto:
uglygeek ha scritto:
Rosewall ha scritto:R.R. dice poi che nel frattempo la "visione" del PC è maturata, non è più manichea, vedi rapporto con la DC.

Si' ma chi ti dice che questa maturazione e non manicheismo fosse una cosa positiva, per la Rossanda, che aveva lasciato il partito non certo perche' il PCI era troppo di sinistra. Chi ti dice che rinunciare alla rivoluzione fosse una buona cosa per lei? Rossanda fu tra i fondatori de Il Manifesto non a caso nel 1969, in piena frenesia movimentista. https://it.wikipedia.org/wiki/Il_manifesto

Tu stai rivedendo la storia con gli occhi di oggi, devi ripensare a come erano quegli anni.
Dice anche chiaramente che il PCI aveva lasciato troppo spazio a sinistra.

La tua analogia con l'Islam moderato non regge perche' mentre un partito puo' cambiare negli anni una religione, essendo fondata sulla parola immutabile di Dio, ovviamente non puo' e non c'e' ragione per cui il tornare al passato possa essere visto come una cosa negativa. E' la societa' che si deve piegare alla religione, certamente non il contrario.

Stampa e radio si sono piegate febbrilmente, il giorno di Pasqua, sul secondo messaggio delle Brigate rosse come su un palinsesto da decifrare.
Siccome sulle cose che contano – se Moro sia vivo, se lo libereranno e a quali condizioni – non dice niente, i commentatori ne hanno dedotto che è invece interessantissimo politicamente.


Peraltro R.R. premette nelle prime righe che "le cose che contano" sono altre, e dunque la sua analisi successiva si limita all'aspetto ideologico (affinità e divergenze).

E' il comunicato delle BR che non dice niente sulle cose importanti, non la Rossanda.



non ho la competenza per discutere le idee politiche di Rossana Rossanda, ma mi pare comunque che il suo distacco dal PCI fosse proprio in polemica con l'attitudine stalinista e manichea, attitudine che neanche troppo velatamente rimprovera a chi vuol torrnare al passato. "Arretramento" non è una cosa buona. Quindi non ce l'ha qui con Berlinguer ma semmai con la sinistra extra-parlamentare dell'epoca.

Non stiamo parlando di questo https://it.wikipedia.org/wiki/Manifesto_dei_101 e del distacco di molti intellettuali comunisti dopo i fatti di Ungheria.
Nel 1969 molti movimenti di sinistra magari non erano vicini all'Unione Sovietica ma sicuramente erano maoisti.
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12425
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: In Memoria

Messaggioda Rosewall » mar set 22, 2020 11:19 am

infatti non c'entra l'Ungheria '56 ma semmai la repressione cecoslovacca, che il PCI dal punto di vista di R.R. condanna troppo timidamente.
Rossana Rossanda rompe col (viene radiata dal) PCI perchè incarna istanze che il PCI non sopporta: sessantotto, movimentismo, spirito critico (che dal punto di vista del Partito è "frazionismo"), attitudine "libertaria".
Del resto, la spaccatura fra il PCI e i movimenti studenteschi ed operai precede il '68: già quando ad esempio viene occupata Architettura a Milano ('63) il PCI fa mancare il suo appoggio.
Questo non vuol dire che la Rossanda non fosse comunista: di certo avversava la socialdemocrazia (come più o meno tutto il PCI, del resto). Ma insieme alla sua educazione marxista aveva anche la mentalità della generazione successiva alla sua.
Le BR hanno (fra le varie cose) quel "veterocomunismo" anni cinquanta che c'entra niente con Rossana Rossanda, ma pure col PCI del 1978.

Per ricordare Rossana Rossanda invece che riflessioni politiche complicate e molto legate al contesto dell'epoca (leggi: che hanno fatto il loro tempo), voglio citare questo simpatico passaggio:

Che ne pensi del maoismo italiano?

Quelli di Servire il popolo, seguaci di Aldo Brandirali, erano alquanto chiesastici, persuasi che «bisogna vivere da poveri». Io, figlia del Partito comunista, ero dell’idea che bisogna vivere come se si fosse ricchi. Già a Milano, con i miei amici nel partito, del sindacato, di sabato, se non c’erano riunioni, ci fiondavamo in treno a Genova a fare il bagno sulla riviera. C’era sempre qualche casa di genitori libera dove dormire, stavamo in barca tutta la domenica e alla sera avevamo i soldi per una pizza o per un gelato e scendevamo a Portofino. Ho sempre pensato che gli operai vivono poveramente, e che nel tempo breve che abbiamo, dobbiamo cercare non di rinunciare a tutto, ma di avere tutto.
#177#
e se non piangi, di che pianger suoli?

Avatar utente
Gios
FooLminato
Messaggi: 14822
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Falcade

Re: In Memoria

Messaggioda Gios » mar set 22, 2020 5:11 pm


Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 53780
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda Johnny Rex » mar set 22, 2020 5:42 pm

Gios ha scritto:


:lol: :lol: :lol:

F.F.
Mr Moonlight ha scritto:Il PC è femmina: un mucchio di chiacchiere per non dire una sega.


https://www.youtube.com/watch?v=mjtHG1jh1zQ

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 53780
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda Johnny Rex » ven set 25, 2020 10:28 am

Gerry Webber, imprenditore e patrono del torneo di Halle

F.F.
Mr Moonlight ha scritto:Il PC è femmina: un mucchio di chiacchiere per non dire una sega.


https://www.youtube.com/watch?v=mjtHG1jh1zQ

Avatar utente
Monheim
Saggio
Messaggi: 7771
Iscritto il: mer lug 18, 2018 3:19 pm
Località: Hobb's End

Re: In Memoria

Messaggioda Monheim » ven set 25, 2020 10:38 am

Addio a Gerry Weber, “papà” del torneo di Halle (di Marco Mazzoni)

http://www.livetennis.it/post/334773/ad ... o-mazzoni/
Aruta meglio di Batistuta

tuborovescio
Saggio
Messaggi: 9698
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: In Memoria

Messaggioda tuborovescio » mer set 30, 2020 5:36 pm

Quino

Immagine

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 133624
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: In Memoria

Messaggioda Nickognito » gio ott 01, 2020 8:57 am

eh si #1# ... non so perche' ero sicuro che Quino fosse morto due o tre anni fa
He/His/Him/Piron/Non-Geg

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » sab ott 03, 2020 8:01 pm

è un lutto privato, ma conoscevo bene il ragazzo che è morto stanotte nell'alluvione in Val Sesia

sono gelato

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 53780
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda Johnny Rex » sab ott 03, 2020 8:10 pm

balbysauro ha scritto:è un lutto privato, ma conoscevo bene il ragazzo che è morto stanotte nell'alluvione in Val Sesia

sono gelato


Condoglianze

F.F.
Mr Moonlight ha scritto:Il PC è femmina: un mucchio di chiacchiere per non dire una sega.


https://www.youtube.com/watch?v=mjtHG1jh1zQ

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 133624
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: In Memoria

Messaggioda Nickognito » sab ott 03, 2020 9:13 pm

balbysauro ha scritto:è un lutto privato, ma conoscevo bene il ragazzo che è morto stanotte nell'alluvione in Val Sesia

sono gelato

Mi dispiace #1#

Una delle poche persone che da una foto sembrano bellissime persone.
He/His/Him/Piron/Non-Geg

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » mar ott 06, 2020 10:18 pm

Nickognito ha scritto:
balbysauro ha scritto:è un lutto privato, ma conoscevo bene il ragazzo che è morto stanotte nell'alluvione in Val Sesia

sono gelato

Mi dispiace #1#

Una delle poche persone che da una foto sembrano bellissime persone.


lo era
era uno sempre pronto a fare una battuta, a ridere, a scherzare
intelligente ma leggero

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » mar ott 06, 2020 10:27 pm

Eddie Van Halen

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 65424
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda tennisfan82 » mar ott 06, 2020 10:44 pm

#1#
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

rob
Saggio
Messaggi: 9168
Iscritto il: lun set 16, 2002 2:00 am
Località: Savona

Re: In Memoria

Messaggioda rob » mer ott 07, 2020 7:34 am

balbysauro ha scritto:Eddie Van Halen


Dispiace apprendere la notizia della sua scomparsa.
Tuttavia, al di là di una padronanza tecnica dello strumento assolutamente magistrale, il suo contributo artistico non mi è mai sembrato particolarmente ricco di spessore.
Ci sono discussioni interessanti sui forum musicali riguardanti la cosiddetta moda del "riccardonismo".
Scremando il tono irridente da cazzeggio, francamente, mi sento di condividere il pensiero di fondo:

https://nonciclopedia.org/wiki/Riccardone

Grass
Membro Mooolto Attivo
Messaggi: 749
Iscritto il: mar dic 10, 2002 3:21 pm

Re: In Memoria

Messaggioda Grass » mer ott 07, 2020 11:54 am

rob ha scritto:Ci sono discussioni interessanti sui forum musicali riguardanti la cosiddetta moda del "riccardonismo".
Scremando il tono irridente da cazzeggio, francamente, mi sento di condividere il pensiero di fondo:

https://nonciclopedia.org/wiki/Riccardone


Si, ma Eddy Van Halen non è da riccardoni :evil:
Troppi frizzi e lazzi

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 53780
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda Johnny Rex » mer ott 07, 2020 12:12 pm

Se ne è andato abbastanza giovane.

Totalmente d'accordo con Rob

F.F.
Mr Moonlight ha scritto:Il PC è femmina: un mucchio di chiacchiere per non dire una sega.


https://www.youtube.com/watch?v=mjtHG1jh1zQ

ThePiper
Massimo Carbone
Messaggi: 16393
Iscritto il: gio lug 21, 2011 6:01 pm

Re: In Memoria

Messaggioda ThePiper » mer ott 14, 2020 1:39 pm

Gianfranco De Laurentiis.
Non ho idea di come fosse come giornalista ma era sicuramente un volto familiare nel periodo in cui iniziai a vedere e ricordare calcio e sport in generale.

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » mer ott 14, 2020 4:42 pm

ThePiper ha scritto:Gianfranco De Laurentiis.
Non ho idea di come fosse come giornalista ma era sicuramente un volto familiare nel periodo in cui iniziai a vedere e ricordare calcio e sport in generale.

Bravissimo, preciso, preparato, cordiale. #1#
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
balbysauro
Utente dell' anno 2018
Messaggi: 65659
Iscritto il: mer nov 28, 2007 6:53 pm
Località: Palermo

Re: In Memoria

Messaggioda balbysauro » dom ott 18, 2020 6:46 pm

Alfredo Cerruti
è stato un produttore discografico serio e un autore televisivo (per Arbore, tra l'altro)

ma mi piace ricordarlo così


Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » lun ott 19, 2020 9:15 am

balbysauro ha scritto:Alfredo Cerruti
è stato un produttore discografico serio e un autore televisivo (per Arbore, tra l'altro)

ma mi piace ricordarlo così


Era anche la voce di "Volante uno a volante due" di Indietro Tutta.
Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 65424
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda tennisfan82 » lun ott 19, 2020 7:36 pm

Un film così oggi sospetto non vedrebbe la luce :D

Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

Avatar utente
uglygeek
Massimo Carbone
Messaggi: 18091
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Intra Sestri e Chiaveri s’adima una fiumana bella...

Re: In Memoria

Messaggioda uglygeek » lun ott 19, 2020 7:50 pm

tennisfan82 ha scritto:Un film così oggi sospetto non vedrebbe la luce :D



Pochi sanno che il Tacet è in partitura.

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 13624
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: In Memoria

Messaggioda paoolino » lun ott 19, 2020 8:02 pm

Immagina mandare Arrapaho in un cineforum di qualche università progressista americana
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

chiaky
Utente dell' anno 2020
Messaggi: 16773
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: In Memoria

Messaggioda chiaky » lun ott 19, 2020 8:28 pm

paoolino ha scritto:Immagina mandare Arrapaho in un cineforum di qualche università progressista americana

Roba da mandare al rogo.

Comunque a me gli squallor non sono mai piaciuti.
Gli Elii altra classe.


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti