Governo Conte: Non vedo, non sento, non parlo...

Dibattito sulla vita sociale e sui problemi politici.
chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » sab giu 23, 2018 2:56 pm

PINDARO ha scritto:
chiaky ha scritto: Decidete tu e Pindaro dopo attenta analisi? :D

la smetti di tirarmi in ballo?
Grazie.

Mai ballato in vita mia, io canto :wink:
Sono negato per la danza.

chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » sab giu 23, 2018 2:57 pm

Beh, visto che tu e il Genio siete in sintonia di opinioni potresti spiegarmi tu, ma seriamente, quali sarebbero i metodi di assegnazione di una patente di voto, potrei anche convincermi che è giusto. Davvero.
Perché, come dicevo, anche io non sono molto convinto dal Suffragio Universale. Grazie

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » sab giu 23, 2018 3:03 pm

Ma perchè dovrei spiegartelo se ora non ne sto discutendo? Stai parlando con nk7?bene, continua con lui. Che ho altro da fare.

chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » sab giu 23, 2018 3:06 pm

PINDARO ha scritto:Ma perchè dovrei spiegartelo se ora non ne sto discutendo? Stai parlando con nk7?bene, continua con lui. Che ho altro da fare.

Immagino che tu sia molto impegnato.
Beh, l'altro è difficile che mi risponda, visto che è fuggito come i conigli e come tutti coloro che non sanno dialogare.
Buon lavoro. :D

Avatar utente
loveboat
Saggio
Messaggi: 7455
Iscritto il: lun apr 21, 2014 8:29 pm
Località: Torino

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda loveboat » sab giu 23, 2018 3:08 pm

Chiaky capisco che tu possa confonderti tra i due soggetti. Sono assolutamente uguali. Incredibile :o
Tutto verde su tennistalker

chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » sab giu 23, 2018 3:11 pm

ferryboat ha scritto:Chiaky capisco che tu possa confonderti tra i due soggetti. Sono assolutamente uguali. Incredibile :o

No. Pindaro é meglio. Anche se non lo vuol dare a vedere.

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato
Messaggi: 11745
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda pocaluce » sab giu 23, 2018 3:11 pm

io non so se la patente di voto è la soluzione (rectius: per me no, anzi lavorerei molto di più sulle proposte dei partiti e dei candidati: il problema è tuttavia come vengono ricevute queste proposte; se la narrazione fatta va in un certo senso, conta molto di più della proposta o degli effettivi provvedimenti varati da un governo o un ministro, si veda l'articolo che ho postato sopra: siamo evidentemente un paese più sicuro in base a tutti i parametri rispetto a 10-20-50 anni fa EPPURE la gente ritiene che sia il contrario), ma non la vedrei comunque come una roba ad esclusivo uso e consumo dei partiti di sinistra, dove sicuramente idioti e/o analfabeti abbondano, probabilmente in percentuali simili agli altri partiti. però ecco, visto che abbiamo un sistema democratico molto rappresentativo e sempre più sbilanciato (ad esempio rispetto alla prima repubblica), non sarebbe male che la gente che va a votare sia un minimo informata in maniera corretta sui pro e contro di quello che vota o se ad esempio il partito X che fa la proposta 123 qualora andasse al governo può poi effettivamente dare seguito ai propositi o se tale proposta sia irricevibile. in questi casi purtroppo si fa spesso ricorso alla reductio ad hitlerum ("anche hitler è stato votato", o "e se eleggessero hitler allora dovremmo accettare il voto del popolo?") che è un estremo e non mi piace, però insomma uno dei due partiti al governo non più tardi di 10 anni fa parlava apertamente di secessione con toni non sempre pacati, mascherandola poi con federalismi vari, tutte cose che a occhio vanno contro i principi che dovrebbe garantire la costituzione. è giusto che gli sia stato permesso di presentarsi e "prendere in giro" gli elettori facendo credere che ciò sia possibile? quindi, se i votanti non danno retta alle opposizioni che fanno notare che questo non si può fare (e vabbé, avranno i loro motivi per non crederci), se i media non fanno il loro lavoro di informazione (quando va bene, spesso come visto sopra, alimentano il fuoco), se i votanti non hanno interesse ad informarsi in maniera autonoma, è auspicabile o comunque valevole di discussione che lo stato informi il votante, magari attraverso una sensibilizzazione al voto tramite "patente"?
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 20035
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda NNick87 » sab giu 23, 2018 3:17 pm

Ormai ogni giorno esce fuori la sparata ad effetto della premiata ditta Salvini-Di Maio.

Oggi è il turno delle pensioni d'oro da abolire (principio che peraltro non capisco come non si possa condividere!!!).
Attore protagonista: Di Maio.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/ ... d=AEur5MBF

Il problema sta nella promessa.

1) recupereremo 1 miliardo (ci sono dubbi forti che sia un miliardo, ma ipotizziamo che sia veramente così)
2) aumenteremo le pensioni minime (ahia)

Lo scrivo qua perchè non so se il conto che ho fatto è corretto e qualcuno può dirmi "hai scritto una cazzata".

Il dato non è recentissimo, ma da altre fonti ho visto che l'ultimo rapporto (2017) cita numeri simili, quindi prendiamolo per buono.
http://www.infodata.ilsole24ore.com/201 ... -750-euro/

Consideriamo le pensioni minime, quelle sotto 500. Totale 4,8 milioni.

1mld / 4,8 mil = 212€ all'anno --> 17,8€ al mese.

Ho sbagliato qualcosa?
Altrimenti anche quelli con la pensione minima ci votano oggi per non avere un bel niente domani. :D
E quelli con 600€ di pensione facciamo che se la passino bene!
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 50818
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda tennisfan82 » sab giu 23, 2018 9:01 pm

Giorgia Meloni: “Saviano deve studiare di più. Non è preparato”.
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » sab giu 23, 2018 9:20 pm

Ha aggiunto anche:"Non so se ammazzare Roberto Saviano sia una priorità della camorra"

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3453
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda NK7 » sab giu 23, 2018 9:29 pm

Sono opinioni da rispettare, siamo in democrazia.
NK7 ha scritto:Io appena leggo "uma" so già che è in arrivo la solita valanga di stro**ate e proseguo oltre

Avatar utente
Mr Moonlight
Illuminato
Messaggi: 3493
Iscritto il: sab ago 23, 2008 10:29 pm
Località: Tuscany

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda Mr Moonlight » sab giu 23, 2018 10:09 pm

pocaluce ha scritto:io non so se la patente di voto è la soluzione (rectius: per me no, anzi lavorerei molto di più sulle proposte dei partiti e dei candidati: il problema è tuttavia come vengono ricevute queste proposte; se la narrazione fatta va in un certo senso, conta molto di più della proposta o degli effettivi provvedimenti varati da un governo o un ministro, si veda l'articolo che ho postato sopra: siamo evidentemente un paese più sicuro in base a tutti i parametri rispetto a 10-20-50 anni fa EPPURE la gente ritiene che sia il contrario), ma non la vedrei comunque come una roba ad esclusivo uso e consumo dei partiti di sinistra, dove sicuramente idioti e/o analfabeti abbondano, probabilmente in percentuali simili agli altri partiti. però ecco, visto che abbiamo un sistema democratico molto rappresentativo e sempre più sbilanciato (ad esempio rispetto alla prima repubblica), non sarebbe male che la gente che va a votare sia un minimo informata in maniera corretta sui pro e contro di quello che vota o se ad esempio il partito X che fa la proposta 123 qualora andasse al governo può poi effettivamente dare seguito ai propositi o se tale proposta sia irricevibile. in questi casi purtroppo si fa spesso ricorso alla reductio ad hitlerum ("anche hitler è stato votato", o "e se eleggessero hitler allora dovremmo accettare il voto del popolo?") che è un estremo e non mi piace, però insomma uno dei due partiti al governo non più tardi di 10 anni fa parlava apertamente di secessione con toni non sempre pacati, mascherandola poi con federalismi vari, tutte cose che a occhio vanno contro i principi che dovrebbe garantire la costituzione. è giusto che gli sia stato permesso di presentarsi e "prendere in giro" gli elettori facendo credere che ciò sia possibile? quindi, se i votanti non danno retta alle opposizioni che fanno notare che questo non si può fare (e vabbé, avranno i loro motivi per non crederci), se i media non fanno il loro lavoro di informazione (quando va bene, spesso come visto sopra, alimentano il fuoco), se i votanti non hanno interesse ad informarsi in maniera autonoma, è auspicabile o comunque valevole di discussione che lo stato informi il votante, magari attraverso una sensibilizzazione al voto tramite "patente"?

Va be', anche Occhetto si è "inculato" i comunisti :D eppure l'hanno votato.
Io abolirei le campagne elettorali sia via social che via tv, ma è un'altra utopia.
Da segnalare, comunque, che se Salvini-Di Maio :lol: avessero governato con la riforma costituzionale voluta da Renzie, erano cazzi più amari di adesso.
Diciamo che una "patente elettorale" potrebbe essere anche fattibile: non sai chi è il presidente della Repubblica? Non voti. Non conosci l'art. 3 della Costituzione? Non voti e via e via. Un banchino fuori dai seggi e si può fare. Una patente a punti per votare.

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » dom giu 24, 2018 9:27 am




Dai migranti ai vaccini. L'impresentabile non diventa presentabile con la formula “lo dico da papà”


Claudio Cerasa Il Foglio

Ceci n’est pas un pirl. Da qualche tempo a questa parte, Matteo Salvini, quarantacinque anni, padre di due splendidi figli, uno di quindici anni, uno di sei, ha scelto di parlare al paese utilizzando una suggestiva tecnica comunicativa racchiusa in un’espressione formata da cinque rassicuranti parole: ve lo dico da papà. C’è da spiegare perché il tetto del deficit non si può rispettare? C’è da spiegare perché una ong non può entrare in un porto italiano? C’è da spiegare perché è giusto fare un censimento su una razza? C’è da spiegare perché bisogna allearsi con Orbán? Nessun problema: ve lo dico da papà.

Ormai da mesi, Salvini non si limita a offrirci i suoi pensieri indossando i panni del politico, del capopopolo, del ministro, del vicepresidente del Consiglio, ma in alcuni momenti precisi, quando vuole guardarci negli occhi e dimostrarci che le sue parole sono pure, genuine, spontanee, vere, autentiche, aggiunge alla sua dichiarazione un tocco di umanità ricordandoci che le cose che sta dicendo ce le sta dicendo soprattutto da uomo. Soprattutto da padre.

Salvini, in verità, non è il solo ad aver provato a trasformare la figura del genitore impegnato in politica in qualcosa di utile a dimostrare non l’importanza della famiglia ma l’importanza della propria purezza (la pura Virginia Raggi si presentò al primo Consiglio comunale con il proprio figlio, il purissimo Alessandro Di Battista è riuscito a scrivere un libro sull’essere padre praticamente prima ancora di diventare padre). Ma l’assiduità con cui papà Salvini prova a ricordare il suo essere padre nei momenti in cui prova a trasformare in presentabile l’impresentabile è la spia di una tendenza sciagurata: usare i figli come un’assicurazione di infallibilità, usare i figli come un mascara per truccarsi e sembrare più umani. Da ministro e da papà dico nessun approdo per Aquarius. Da ministro e da papà dico che mettere un tetto al deficit è come imporre di affamare i nostri figli perché abbiamo speso troppo. Da ministro e da papà – “e da donatore di sangue e di organi” – dico che le ong non fanno volontariato. Da ministro e da papà, questa Salvini l’ha detta ieri, dico che dieci vaccini per i bambini sono troppi e che alcuni di questi vaccini sono pericolosi.

Da papà, padre di due splendidi figli, uno di sei e uno di due anni, potrei far notare a Salvini che fare politica da padri dovrebbe voler dire altro. Lavorare per avere un paese che si preoccupa di ridurre i debiti che gravano sulla testa dei nostri figli. Lavorare per proteggere tutte le minoranze del nostro paese. Non bullizzare i figli di genitori più sfortunati. Non mettere in circolo messaggi xenofobi. Proteggere un sogno chiamato Europa. E ricordare, magari, che giocare con i vaccini, e dire che anche i bambini non vaccinati devono poter andare a scuola, significa giocare sulla pelle di migliaia di bambini che non potendosi vaccinare, e volendo andare a scuola, per essere protetti, non solo dal morbillo, hanno bisogno di avere attorno a sé il più alto numero di bambini vaccinati (l’immunità di gregge non è solo quella usata a Roma per tosare l’erba a passo di pecora).

Da papà si potrebbe dire questo e molto altro. Ma parlare da papà a papà per far capire a un papà l’errore di usare malamente l’essere padre per rendere presentabile ciò che non può essere presentabile è un errore che non commetterò. E per questo ci permettiamo semplicemente di consigliare a Salvini di leggere una fantastica espressione usata ieri sul Corriere della Sera da una grande tennista oggi mamma: Serena Williams. E cosa ha detto la nostra Serena? Ha detto che da quando è genitore sua figlia “l’ha resa più umana”.

La scelta, per Salvini ma non solo per lui, in fondo è tutta qui: usare i figli per sembrare più umani, oppure essere più umani grazie ai propri figli. René Magritte, quando nel 1928 raffigurò su tela la sua famosa pipa, spiegò la sua opera con queste parole: “Chi oserebbe pretendere che l’immagine di una pipa è una pipa? Chi potrebbe fumare la pipa del mio quadro? Nessuno. Quindi, non è una pipa”. In un certo senso, con l’immagine del padre Salvini sta usando lo stesso trucco: “Chi oserebbe pretendere che l’immagine di un burbero padre sia quella di un burbero? Chi potrebbe accusarmi di essere un impuro con lo scudo da papà? Nessuno. Quindi, non sono un burbero”. Il filtro di Magritte era quello della tela. Il filtro di Salvini è quello del genitore. Il titolo del primo quadro lo conoscete. Per capire il titolo che rischia di avere il secondo quadro basta cambiare poco rispetto all’originale: “Ceci n’est pas un pirl”. Non ne vale la pena, detto da papà.

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3453
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda NK7 » dom giu 24, 2018 11:24 am

Articolo splendido.
NK7 ha scritto:Io appena leggo "uma" so già che è in arrivo la solita valanga di stro**ate e proseguo oltre

chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » dom giu 24, 2018 2:44 pm

Articolo pieno di banalità per quanto mi riguarda.

Burano
Saggio
Messaggi: 6457
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda Burano » dom giu 24, 2018 4:30 pm

Sono le 16 passate e oggi il superministro non ha ancora esternato!
Sarà morto?
Lo voglio rivedere, Fabio

chiaky
Saggio
Messaggi: 7175
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda chiaky » dom giu 24, 2018 4:38 pm

Burano ha scritto:Sono le 16 passate e oggi il superministro non ha ancora esternato!
Sarà morto?

No. È domenica e sta leggendo mymag. Poi stasera minaccia nk7 o come cavolo si chiama di chiuderlo in un lager in Austria.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 50818
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda tennisfan82 » dom giu 24, 2018 7:28 pm

“Complimenti, state lavorando bene, non vi ho votato ma la prossima volta lo farò”.
Stamattina, a spasso coi bimbi, è la quinta persona che mi saluta e mi dice questo.
Non ditelo a Gad Lerner, Balotelli, Fazio, Boldrini, Santoro e compagni vari, sennò si arrabbiano ancora di più.
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » dom giu 24, 2018 7:58 pm

tennisfan82 ha scritto:“Complimenti, state lavorando bene, non vi ho votato ma la prossima volta lo farò”.
Stamattina, a spasso coi bimbi, è la quinta persona che mi saluta e mi dice questo.
Non ditelo a Gad Lerner, Balotelli, Fazio, Boldrini, Santoro e compagni vari, sennò si arrabbiano ancora di più.


Ministro dell'interno, ricordiamolo.

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 11559
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda uglygeek » dom giu 24, 2018 8:55 pm

Mr Moonlight ha scritto:Diciamo che una "patente elettorale" potrebbe essere anche fattibile: non sai chi è il presidente della Repubblica? Non voti. Non conosci l'art. 3 della Costituzione? Non voti e via e via. Un banchino fuori dai seggi e si può fare. Una patente a punti per votare.

"That Paris exists and anyone could choose to live anywhere else in the world will always be a mystery to me.", Midnight in Paris, Woody Allen

Avatar utente
NK7
Illuminato
Messaggi: 3453
Iscritto il: dom lug 17, 2016 2:00 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda NK7 » dom giu 24, 2018 9:17 pm

Mr Moonlight ha scritto:Diciamo che una "patente elettorale" potrebbe essere anche fattibile: non sai chi è il presidente della Repubblica? Non voti. Non conosci l'art. 3 della Costituzione? Non voti e via e via. Un banchino fuori dai seggi e si può fare. Una patente a punti per votare.

Ma certo che si può fare. Magari non col banchino davanti ai seggi ma istituendo commissioni ad hoc e esami pubblici di conoscenza dei principi fondamentali dell'ordinamento. Non voti se non li conosci.

Poi puoi mettere altri paletti, che ne so, hai alle spalle una sentenza di condanna per negazionismo dell'olocausto? Non voti.

Poi certo, nessun sistema è infallibile, nessuno ti può garantire che la commissione esaminatrice non sia corruttibile o influenzabile dalla politica. Ma anche così rimane una scelta preferibile ad avere analfabeti conclamati chiamati a decidere del futuro del paese (poi a prescindere, non è nemmeno questione di analfabetismo in sè, in alcuni casi il popolo è chiamato a decidere circa materie che semplicemente esulano dalla competenza del buon padre di famiglia, che rilevanza può avere il mio parere di consulente marketing in un referendum sul trivellamento dei fondali marini?)
NK7 ha scritto:Io appena leggo "uma" so già che è in arrivo la solita valanga di stro**ate e proseguo oltre

Ombra84
Core 'ngrato
Messaggi: 24313
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda Ombra84 » dom giu 24, 2018 9:25 pm

tennisfan82 ha scritto:“Complimenti, state lavorando bene, non vi ho votato ma la prossima volta lo farò”.
Stamattina, a spasso coi bimbi, è la quinta persona che mi saluta e mi dice questo.
Non ditelo a Gad Lerner, Balotelli, Fazio, Boldrini, Santoro e compagni vari, sennò si arrabbiano ancora di più.


chiaky ha scritto:Articolo pieno di banalità per quanto mi riguarda.


Dici?
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 11559
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda uglygeek » dom giu 24, 2018 9:37 pm

pocaluce ha scritto:È un articolo abbastanza lungo, ma direi ottimo per il discorso che si faceva tra reale e percepito e l'influenza dei media, specie televisivi, sui migranti.

http://www.laprivatarepubblica.com/eter ... -migranti/

Ho letto tutto l'articolo http://www.laprivatarepubblica.com/eter ... -migranti/ e sono un po' perplesso. Il tema e' in sostanza: i giornali parlano male dei migranti, e cosi' influenzano l'opinione pubblica. Mi aspettavo di trovare statistiche che smentiscono questa narrativa, ma l'articolo non cita statistiche sulla criminalita'. Dunque il problema e' la percezione della realta' generata dai giornali, qualunque sia l'effettiva realta'. Per cui mi domando: non dico che sia il caso, ma nel caso in cui ci fosse davvero un problema di criminalita' i giornali non dovrebbero parlarne per non alimentare il razzismo?
Non e' una domanda retorica: in Gran Bretagna i giornali hanno ignorato per anni questo:
(https://en.wikipedia.org/wiki/Rotherham ... on_scandal) per non passare per razzista e la polizia ha evitato di indagare per lo stesso motivo. Ma e' solo un esempio, il punto e': ma se l'immigrazione fosse davvero negativa per un paese, bisognerebbe comunque dire che e' positiva per principio?
"That Paris exists and anyone could choose to live anywhere else in the world will always be a mystery to me.", Midnight in Paris, Woody Allen

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » dom giu 24, 2018 9:45 pm

Ombra84 ha scritto:
Dici?

:)

Il Foglio è attualmente forse il miglior quotidiano in italia riguardo la politica.
Ma lo leggiamo solo io e Backandwinner.

Avatar utente
NNick87
Massimo Carbone
Messaggi: 20035
Iscritto il: mer apr 09, 2008 5:36 pm
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda NNick87 » dom giu 24, 2018 10:01 pm

PINDARO ha scritto:
tennisfan82 ha scritto:“Complimenti, state lavorando bene, non vi ho votato ma la prossima volta lo farò”.
Stamattina, a spasso coi bimbi, è la quinta persona che mi saluta e mi dice questo.
Non ditelo a Gad Lerner, Balotelli, Fazio, Boldrini, Santoro e compagni vari, sennò si arrabbiano ancora di più.


Ministro dell'interno, ricordiamolo.


Uno o forse l'unico pregio di Salvini è quello di avere un immagine molto poco "da politico". Questi richiami alla famiglia, le felpe, il linguaggio semplice sono modi per parare direttamente alle persone a cui vuole rivolgersi. E' oggettivamente più facile per l'italiano medio identificarsi con Salvini o con Di Battista che con Bersani o Berlusconi.

Il problema non è la forma ma la sostanza.
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato
Messaggi: 11745
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda pocaluce » dom giu 24, 2018 10:20 pm

uglygeek ha scritto:
pocaluce ha scritto:È un articolo abbastanza lungo, ma direi ottimo per il discorso che si faceva tra reale e percepito e l'influenza dei media, specie televisivi, sui migranti.

http://www.laprivatarepubblica.com/eter ... -migranti/

Ho letto tutto l'articolo http://www.laprivatarepubblica.com/eter ... -migranti/ e sono un po' perplesso. Il tema e' in sostanza: i giornali parlano male dei migranti, e cosi' influenzano l'opinione pubblica. Mi aspettavo di trovare statistiche che smentiscono questa narrativa, ma l'articolo non cita statistiche sulla criminalita'. Dunque il problema e' la percezione della realta' generata dai giornali, qualunque sia l'effettiva realta'. Per cui mi domando: non dico che sia il caso, ma nel caso in cui ci fosse davvero un problema di criminalita' i giornali non dovrebbero parlarne per non alimentare il razzismo?
Non e' una domanda retorica: in Gran Bretagna i giornali hanno ignorato per anni questo:
(https://en.wikipedia.org/wiki/Rotherham ... on_scandal) per non passare per razzista e la polizia ha evitato di indagare per lo stesso motivo. Ma e' solo un esempio, il punto e': ma se l'immigrazione fosse davvero negativa per un paese, bisognerebbe comunque dire che e' positiva per principio?


no aspè. qua però convenientemente sposti l'obiettivo su un altro tema che non ha nulla a che vedere con le criticità evidenziate nell'articolo: tu chiedi se fosse negativa, bisognerebbe mentire per principio? ovviamente no, ma a me sembra che qua si menta per principio sì, ma nel lato opposto. si evidenziano nell'articolo:
- un'evidente sproporzione nella rappresentazione delle notizie (pericolo invasione dato dagli sbarchi, ma mai che si dica che via mare arrivano una percentuale "minima" dei clandestini): come dicevo qualche post fa, facciamo un case study ed apriamo con la stessa proporzione e gli stessi toni su evasione fiscale, camorra, corruzione, problemi ben più gravi nel quadro italiano e poi vediamo che dice l'opinione pubblica;
- una narrativa ben precisa, spesso sbilanciata già sui toni colpevolisti, sui fatti di cronaca nera legati agli immigrati (vedi il caso di pamela e macerata, certo brutale ed efferato, ma non diverso da tanti altri fatti di nera, che vengono relegati a trafiletti o simili se l'omicida è italiano, si veda il caso del tranviere milanese, non meno efferato dei nigeriani che hanno ucciso pamela);
- lo spazio riservato a teorie fantasiose e complottiste come il piano kalergi in programmi di "diffusione generalista" in prima serata e la legittimazione di questo discorso fatta da alcuni politici;
- come questo pattern sia già stato efficacemente attuato 10 anni fa ma contro rom/romeni (ovviamente senza nemmeno prendersi la briga di fare i distinguo del caso, tra l'altro con i romeni che sono tra le comunità più numerose in italia e dieci anni dopo non sono più nell'occhio del ciclone, guarda caso), portando sempre il discorso sul piano dell'etnicizzazione (1-5-100 romeni/nigeriani/venusiani rubano, stuprano, uccidono ergo tutti lo fanno) del reato;
- come in molti casi, anche se magari non dai media tradizionali (anche se alcuni giornali non si fanno problemi lo stesso), notizie volte a dare una visione distorta siano state fabbricate di sana pianta, in maniera costante e ripetuta. allo stesso modo, si fa notare come vengano convenientemente omesse le notizie di crimini violenti (o fascisti, se ancora si può dire) contro gli immigrati.
- le statische nell'articolo sono citate nella prima pagina, con alcuni grafici ma soprattutto con il link al rapporto dell'organizzazione "carta di roma", che ti linko comunque qui per convenienza: https://www.cartadiroma.org/wp-content/ ... _small.pdf
(così per divertimento: la quarta parola/tema più citata nel 2017 sul tema flussi migratori è stata "ONG", con la cronaca dei "taxi del mare pagati da soros" che ovviamente non trovano nessun riscontro nella realtà).
quindi direi che prima di fare le domande retoriche, facciamoci le domande pratiche su quello che sta accadendo, casualmente quasi sempre in corrispondenza di tornate elettorali "pesanti".
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
paoolino
FooLminato
Messaggi: 11416
Iscritto il: gio set 12, 2002 2:00 am
Località: Sleepin' in Wonderland
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda paoolino » dom giu 24, 2018 10:57 pm

PINDARO ha scritto:
Ombra84 ha scritto:
Dici?

:)

Il Foglio è attualmente forse il miglior quotidiano in italia riguardo la politica.
Ma lo leggiamo solo io e Backandwinner.


Qui dentro c’è chi lo legge da ben prima di voi che qualche volta mi invitavate a farne usi diversi dalla lettura. Ma i tempi cambiano.
"C’è gente che magari sa scrivere, scrive e pubblica sui forum quello che scrive, ma non sa assolutamente leggere..."
(paoolino parafrasando Sciascia)

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » dom giu 24, 2018 11:14 pm

paoolino ha scritto:
PINDARO ha scritto:
Ombra84 ha scritto:
Dici?

:)

Il Foglio è attualmente forse il miglior quotidiano in italia riguardo la politica.
Ma lo leggiamo solo io e Backandwinner.


Qui dentro c’è chi lo legge da ben prima di voi che qualche volta mi invitavate a farne usi diversi dalla lettura. Ma i tempi cambiano.

Anche le persone, le opinioni e i giornali. :)

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32022
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda BackhandWinner » dom giu 24, 2018 11:20 pm

chiaky ha scritto:
PINDARO ha scritto:
chiaky ha scritto: Decidete tu e Pindaro dopo attenta analisi? :D

la smetti di tirarmi in ballo?
Grazie.

Mai ballato in vita mia, io canto :wink:
Sono negato per la danza.

Non ti buttare giù così. Certo sartai meglio come cantante, ma è una scala relativa: ad esempio, rispetto a come mostri di essere ferrato nell'analisi politica, in confronto immagino che come ballerino sei dalle parte di Bolle. #113#
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 11559
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda uglygeek » dom giu 24, 2018 11:20 pm

pocaluce ha scritto:no aspè. qua però convenientemente sposti l'obiettivo su un altro tema che non ha nulla a che vedere con le criticità evidenziate nell'articolo: tu chiedi se fosse negativa, bisognerebbe mentire per principio? ovviamente no, ma a me sembra che qua si menta per principio sì, ma nel lato opposto. si evidenziano nell'articolo: [...]

Ma anche i grafici nel rapporto dell'organizzazione "carta di roma", che linki sono relativi solo a statistiche sui messaggi anti-immigrati che passano su giornali e tv, non a statistiche sull'effettiva criminalita'. Quindi si', ci puo' essere un messaggio che condiziona l'opinione pubblica, ma e' un messaggio oggettivamente sbagliato o e' un messaggio moralmente sbagliato? In teoria potrebbe anche essere vero che l'immigrazione porta criminalita'.

Dice, quando una ragazza italiana viene stuprata uccisa e fatta a pezzi da nigeriani la stampa non finisce mai di parlarne, quando invece italiani stuprano e uccidono una straniera la notizia non e' di prima pagina, forse perche' alla gente interessa meno. Oppure dice, si parla tanto di criminalita' degli immigrati quando noi siamo campioni del mondo di mafia e camorra e tangenti ed evasione fiscale. Che si', e' vero ma nel giornalismo il cane che morde l'uomo non fa notizia, e qualunque livello di criminalita' importata e' per definizione evitabile. Reati commessi da rumeni o africani sono una cosa che una volta non c'era (anche solo quando eravamo bambini noi quarantenni) e riflettono cambiamenti sociali e demografici che non tutti devono per forza dover accettare, quindi perche' stupirsi se se ne parla?
In altra parole, e cerco di dirlo in modo molto neutrale qui, a me sembra che organizzazioni come "carta di roma" partano non solo dall'idea ineccepibile che il razzismo e' una cosa brutta ma anche dall'idea che l'immigrazione sia una cosa buona e necessaria (e comunque inevitabile) e che quindi tutti i messaggi che vanno contro l'accoglienza siano da stigmatizzare. Ma questa e' un'opinione politica legittima come e' legittima l'opinione opposta, tipo dei giapponesi, per cui l'immigrazione di persone da paesi diversi con diverse culture sia una cosa da evitare con fermezza.

Stessa cosa nel capitolo riguardo l'islam, dove i carta di roma lamentano che, cito, "Spesso i servizi raccontano di violenze domestiche su istigazione religiosa: «Genitori musulmani
segregano la figlia perché si rifiuta di portare il velo»; «Giovane ragazza musulmana costretta a
un matrimonio combinato: ha solo 14 anni»; e ancora «Roma: sta diventando impossibile baciarsi,
non ce lo lasciano più fare! Due giovani si baciano davanti a una moschea e musulmano esce per
picchiarli»; stabilendo un nesso implicito tra «imperialismo» dell’Islam e incapacità delle società
occidentali di rispondere in modo adeguato."

E qui non si capisce perche' la ri-comparsa di episodi di questo tipo in un paese che solo da pochi decenni si e' sottratto a secoli di dominio culturale cattolico e ha smesso di essere patriarcale, sessufobo, misogino, retrogrado non dovrebbe preoccuparci. Non si capisce nemmeno quale dovrebbe essere il modo delle società occidentali di rispondere in modo adeguato: mettere in prigione i genitori che costringono la figlia 14enne a matrimoni combinati? O al contrario invece legalizzare anche la poligamia, solo maschile ovviamente? Ci sono chiaramente difficolta' nel far convivere culture cosi' diverse, se Renzi copriva le pubenda alle statue antiche quando riceveva la delegazione iraniana. Secondo te questo contrasto culturale non dovrebbe fare notizia?
E anche qui, in linea del tutto teorica, se esistesse davvero una religione che e' peggiore delle altre, nessuno dovrebbe poter farlo notare?

Insomma alla fine il discorso mi sembra che si riduca a questo:
NOI pensiamo che l'immigrazione sia cosa buona e giusta, fonte di ricchezza di pace e di salvezza. LORO a destra invece usano una retorica sbagliata quando mettono in evidenza le sue conseguenze negative.
E il vero problema e' che ESSI, la gran parte dell'opinione pubblica, si lasciano conquistare dalle sirene della destra nonostante noi si abbia martellato il messaggio opposto per decenni... 'sta massa fetente di burini incolti a cui incautamente e' stato anche concesso il diritto di voto.

Ma visto dall'altra parte, in mondo in cui la stampa pompasse il messaggio opposto ignorasse le notizie sui crimini degli immigrati e sui problemi di convivenza con l'islam non avrebbero allo stesso modo ragione chi non la pensa cosi' a lamentarsi? Se si parte dall'idea che una delle parti abbia tutte le ragioni e l'altra tutti i torti e' naturale pensare che appunto, ogni notizia che da' ragione all'altra parte sia sbagliata.
Ultima modifica di uglygeek il dom giu 24, 2018 11:24 pm, modificato 3 volte in totale.
"That Paris exists and anyone could choose to live anywhere else in the world will always be a mystery to me.", Midnight in Paris, Woody Allen

Avatar utente
BackhandWinner
Massimo Carbone
Messaggi: 32022
Iscritto il: lun mar 12, 2007 3:13 am
Località: Adriazia Centrale

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda BackhandWinner » dom giu 24, 2018 11:21 pm

paoolino ha scritto:
PINDARO ha scritto:
Ombra84 ha scritto:
Dici?

:)

Il Foglio è attualmente forse il miglior quotidiano in italia riguardo la politica.
Ma lo leggiamo solo io e Backandwinner.


Qui dentro c’è chi lo legge da ben prima di voi che qualche volta mi invitavate a farne usi diversi dalla lettura. Ma i tempi cambiano.

Diamo a paoolino quel che è di paoolino.
“True terror is to wake up one morning and discover that your high school class is running the country.” (K. Vonnegut)

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato
Messaggi: 11745
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda pocaluce » dom giu 24, 2018 11:35 pm

vabbé evidentemente o non mi spiego o non riesco a farti capire l'importanza di una certa narrativa, se dici che "cane morde uomo non fa notizia". il mio punto di vista è che oggi invece cosa faccia notizia e cosa no venga stabilito secondo un'agenda ben precisa. inoltre, nel report non si parla solo ed esclusivamente di criminalità eh, ma anche (o forse soprattutto) del flusso della migrazione, della sua gestione (come dicevo relativamente alla questione ONG), delle risposte che vengono date dal punto di vista politico (la contrapposizione "aiutiamo migranti/non aiutiamo le vecchiette) e molto altro.
quindi ti chiedo molto semplicemente: secondo te, se più del 50% degli italiani pensa che gli immigrati in italia siano due o tre volte tanto gli effettivi e 7 su 10 pensano che quasi tutti siano islamici quando sono solo il 3% degli stranieri, tutti questi dati mostrati relativamente al discorso mediatico, hanno qualcosa a che fare oppure no?
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 11559
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda uglygeek » dom giu 24, 2018 11:49 pm

pocaluce ha scritto:quindi ti chiedo molto semplicemente: secondo te, se più del 50% degli italiani pensa che gli immigrati in italia siano due o tre volte tanto gli effettivi e 7 su 10 pensano che quasi tutti siano islamici quando sono solo il 3% degli stranieri, tutti questi dati mostrati relativamente al discorso mediatico, hanno qualcosa a che fare oppure no?

3% E ti paion pochi? Io pensavo che in Italia fossero molti meno, considerando che sono solo il 6.3% in Francia, il 4-6% in Belgio, il 4.4% in Gran Bretagna e...

Ma tornando al discorso iniziale, non saprei se la percezione sbagliata sul numero degli immigrati e' solo un effetto dei media, sinceramente. Se vivi in un posto dove gli immigrati sono pochissimi farai poi fatica a credere che siano tanti, anche se Belpietre te lo ripetesse tutte le sere, e viceversa. Forse sembrano gia' troppi (se si puo' dire) per le abitudini del paese, e questo causa una percezione incorretta sulle percentuali effettive, non credi?
"That Paris exists and anyone could choose to live anywhere else in the world will always be a mystery to me.", Midnight in Paris, Woody Allen

Avatar utente
pocaluce
PocoIlluminato
Messaggi: 11745
Iscritto il: mar dic 18, 2001 1:00 am
Località: Cinecittà, Roma

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda pocaluce » lun giu 25, 2018 12:09 am

no, non credo. anzi, di solito proprio i luoghi dove ci sono meno stranieri quelli che sovrastimano di più il numero. sul fatto che siano "troppi" per le abitudini del paese...beh, è una questione di opinioni evidentemente e su quelle si può discutere meno, benché ovviamente anch'esse assai influenzabili da interventi esterni.

poi beh, se il 3/4% di islamici in italia "mi paion pochi" è la maniera di affrontare il discorso, ti dico che a me paion troppi pure il 70% di cattolici, ma non è quello il punto. il problema è quando dal 4% si arriva a parlare di "invasione", "islamizzare" e quant'altro, mi sembra assai più problematico rispetto ad avere 1 cittadino su 20 che va in moschea, ad esempio per i problemi che ciò può causare ai miei vicini di casa, tipo ad esempio essere aggrediti per strada da qualche buontempone solo perché erano in giro con il kufi e la barba.
A lot of people say, "Yeah, I like Dennis Rodman," but they don't really mean that. I'm a big Dennis Rodman fan. I've been a Rodman fan since 1998 when he was in all his controversy, so that's never going to change.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 17013
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda alessandro » lun giu 25, 2018 12:57 am

Nell’ultimo anno gli sbarchi sono DIMINUITI del 80%.
Lo spazio sui giornali è raddoppiato.

Tutti i crimini negli ultimi 10 o 20 anni sono in diminuzione.
Gli stranieri sono in aumento in Italia.

Quindi c’è qualcosa che non torna.

Credo venerdì scorso su Radio24 Gianninoconfrontava il rapporto tra numero di reati e spazio sui giornali.
Sono in proporzione inversa.

Non è poi nemmeno il fatto di nutrire la morbosità ma è un calcolo politico.

Ad esempio i vari “dalla vostra parte” quei programmi assurdi dove mattoni poveracci (in tutti i sensi) italiani che strillano contro poveracci stranieri per la casa popolare e perché loro stanno nei resort con piscina e l’italiano è disoccupato. È tutto orchestrato per spostare voti da sinistra -a destra, poi si sono accorti che i toni erano esasperati e drenavano voti solo verso la lega e hanno cambiato il format.

Ieri parlavano del famoso caso di novi ligure dove due ragazzini hanno massacrato la madre di lei e il fratellino.
Partì la caccia all’albanese (andava di moda l’albanese a quei tempi).

Secondo me dovrebbero vietare almeno nei titoli e negli occhielli riferimenti alla razza etnia nazionalità dei colpevoli.

Basta vedere comunque i dati istat.

Discorsi fatti più volte.
Gli stranieri regolari hanno tassi di delinquenza uguali agli italiani.
Quelli irregolari più alti. (Non possono lavorare regolarmente nemmeno volendo, sono di solito giovani adulti) sono però anche in maniera molto più alta vittime di crimini.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » lun giu 25, 2018 5:21 am

Pocaluce eroico.

Avatar utente
uglygeek
FooLminato
Messaggi: 11559
Iscritto il: mer feb 06, 2002 1:00 am
Località: Dar al Kufr

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda uglygeek » lun giu 25, 2018 7:14 am

alessandro ha scritto:Nell’ultimo anno gli sbarchi sono DIMINUITI del 80%.
Lo spazio sui giornali è raddoppiato.

Tutti i crimini negli ultimi 10 o 20 anni sono in diminuzione.
Gli stranieri sono in aumento in Italia.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/ ... fresh_ce=1
Gli stranieri fanno i lavori che gli italiani non vogliono piu' fare tra cui anche delinquere?
Poi si', "Dalla vostra parte" ci marciava, questo e' vero.

alessandro ha scritto:Ieri parlavano del famoso caso di novi ligure dove due ragazzini hanno massacrato la madre di lei e il fratellino.
Partì la caccia all’albanese (andava di moda l’albanese a quei tempi).

Parti' la caccia all’albanese perche' la figlia assassina racconto' alla polizia che era stato un albanese, avesse detto che era stato un cinese avrebbero cercato un cinese. Poi pero' arrestarono lei.

pocaluce ha scritto:poi beh, se il 3/4% di islamici in italia "mi paion pochi" è la maniera di affrontare il discorso, ti dico che a me paion troppi pure il 70% di cattolici, ma non è quello il punto. il problema è quando dal 4% si arriva a parlare di "invasione", "islamizzare" e quant'altro, mi sembra assai più problematico rispetto ad avere 1 cittadino su 20 che va in moschea

Se il 70% fosse davvero cattolico sarei d'accordo con te. Francia, Belgio, UK, Svezia mostrano che "Islamizzare" diventa un problema vero quando quel N% di islamici finisce per vivere tutto in negli stessi posti, e proprio per reazione alla mancata integrazione si radicalizza ancora di piu' nella religione. Una buona parte di islamici a Londra e a Parigi hanno idee che non hanno piu' seguito nemmeno in Iran.
Ultima modifica di uglygeek il lun giu 25, 2018 7:25 am, modificato 1 volta in totale.
"That Paris exists and anyone could choose to live anywhere else in the world will always be a mystery to me.", Midnight in Paris, Woody Allen

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 114116
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda Nickognito » lun giu 25, 2018 7:25 am

Piu' o meno tutti i sondaggi sottolineano come il rapporto tra numero di immigrati e numero di persone che percepiscono l'immigrazione come un pericolo sia in Italia uno dei piu' bassi d'Europa, se non erro.
"La comunita' in storia, quasi sempre, quando e' forte e coesa non desidera niente di piu' che sottomettere le comunita' vicine, ed eventualmente annientarle.

Avatar utente
tennisfan82
Massimo Carbone
Messaggi: 50818
Iscritto il: mar lug 12, 2005 4:33 pm
Contatta:

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda tennisfan82 » lun giu 25, 2018 8:05 am

Nei ballottaggi le destre stravolgono...

Scajola sindaco di Imperia :lol:
Ti piace il doppio? Preferisco il threesome

PINDARO
Picchiatore professionista
Messaggi: 59106
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Elezioni 2018: Chi va a Roma perde la poltrona

Messaggioda PINDARO » lun giu 25, 2018 8:10 am

54% di astensione.


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti