Coronavirus la sindrome mondiale

Dibattito sulla vita sociale, sui problemi politici e sui microchip nei vaccini
Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 10:08 am

Considera però che anche se in un mese di scuola hai 2000 contagiati, gli studenti (da asilo nido ad università) sono molti milioni che vanno ogni giorno.

Se molti milioni di persone andassero a teatro ogni giorno qualche caso lo avresti. Fosse anche perché si contagiano al bar del teatro o in bagno.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 10:13 am

alessandro ha scritto:Considera però che anche se in un mese di scuola hai 2000 contagiati, gli studenti (da asilo nido ad università) sono molti milioni che vanno ogni giorno.

Se molti milioni di persone andassero a teatro ogni giorno qualche caso lo avresti. Fosse anche perché si contagiano al bar del teatro o in bagno.

Al bagno ci sono le maschere che fanno entrare uno alla volta a distanza di alcuni minuti (gli intervalli durano di più).
Ieri prima del secondo atto di Nabucco è uscito il sovrintendente, perchè le maschere gli avevano comunicato che una persona si era spostata di sedia (le sedie ora sono assegnate in modo ancor più rigoroso di prima) a fare la ramanzina e a dire che non ripartiva lo spettacolo se quella persona non si rimetteva al suo posto.
Dimmi te in un contesto del genere come si fa ad infettarsi.

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 10:18 am

Comunque se passa il limite di 200 spettatori indiscriminato e non valutato in base alla grandezza della sala, si chiude quasi sicuramente. Non è sostenibile.
Fare altri 4-5-6 mesi con 850 euro di cassa, pagando 800 di affitto e mia moglie che non lavora da marzo e non lavorerà fino al 2022 sarà molto dura.
Per cosa poi? Per una chiusura senza senso e senza dati che la corroborino.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 10:24 am

Paolo79 ha scritto:a proposito dei disturbi mentali creati dal covid (o da ciò che é stato fatto per contrastarlo)...la Great Barrigton Declaration

https://gbdeclaration.org/dichiarazione ... arrington/

In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?

Ma anche con mortalità bassa infettando miliardi di persone quanto intasi gli ospedali? E le terapie intensive? E quanti morti avrai?

Chi ci ha provato ha fatto inversione a U dopo il disastro che ha visto come UK all’inizio.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 10:26 am

La Francia potrebbe avere adesso 6 milioni di positivi in questo momento.

Hanno fatto tantissimi tamponi e sono sopra il 10%
Roba da Lombardia a marzo.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 10:30 am

alessandro ha scritto:
Paolo79 ha scritto:a proposito dei disturbi mentali creati dal covid (o da ciò che é stato fatto per contrastarlo)...la Great Barrigton Declaration

https://gbdeclaration.org/dichiarazione ... arrington/

In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?

Ma anche con mortalità bassa infettando miliardi di persone quanto intasi gli ospedali? E le terapie intensive? E quanti morti avrai?

Chi ci ha provato ha fatto inversione a U dopo il disastro che ha visto come UK all’inizio.


Premesso che non mi sento di condividere granchè la cosa postata, non è che tutti queli che hanno adottato questa cosa abbiano fatto inversione a U.
La Svezia e il Giappone no, per esempio. Hanno lasciato tutto aperto sempre e continuano a farlo.

Avatar utente
Ombra84
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 31274
Iscritto il: sab mag 19, 2007 1:30 pm
Località: Anacapri

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Ombra84 » dom ott 11, 2020 10:34 am

Paolo79 ha scritto:non é una gara fra scuola e teatro comunque, io sono favorevole alle scuole aperte ma al tempo stesso rimango favorevole all'apertura di teatri , cinema e via dicendo in condizioni di sicurezza.

Ovviamente concordo
djagermaister ha scritto:Dzumhur è il troll che controlla il ponte tra i challenger e gli Atp.
.

dsdifr ha scritto:Nel primo set della messa lei dichiarerà di voler sposare Istomin, poi piano piano Andreas riguadagnerà' terreno fino al lieto fine.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 11:41 am

va anche detto che ad esempio qui molti stanno iniziando a pensare a non mandare i figli piu' a scuola. Non c'e' solo chi non puo' tenerli a casa, c'e' anche chi non vuole mandarli a scuola. Se anche lasci le scuole aperte, non lasciar scegliere se poter seguire online mi sembra veramente grave. A tutte le eta' scolastiche, asilo non importa, se vuoi stai a casa.

Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 52551
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Johnny Rex » dom ott 11, 2020 11:58 am

alessandro ha scritto:
Paolo79 ha scritto:a proposito dei disturbi mentali creati dal covid (o da ciò che é stato fatto per contrastarlo)...la Great Barrigton Declaration

https://gbdeclaration.org/dichiarazione ... arrington/

In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?

Ma anche con mortalità bassa infettando miliardi di persone quanto intasi gli ospedali? E le terapie intensive? E quanti morti avrai?

Chi ci ha provato ha fatto inversione a U dopo il disastro che ha visto come UK all’inizio.


Alessandro, si rischia il contagio svolgendo qualunque attività, le chiusure serali anticipate per me sono veramente populiste perchè se 20 persone in un locale rispettano tutte le norme preventive alle 2 del Mattino non vedo perchè sian peggio di 50 persone senza mascherina alle 17 di sera.

Il Punto è che i gestori dei locali non impongono ai clienti, specie giovani, il rispetto delle norme.
Detto brutalmente, chiudi i Bar e hai ridotto (per me) il contagio del 50%, anche senza passare dal discorso scuole.
Sarò prevenuto ma il Bar è proprio il tipico locale in genere anche poco igienico ideale per diffondere un Virus.
Che a quanto vedo i titolari non vogliono danneggiarsi ulteriormente correndo il rischio di mandare via i clienti.
E le forze dell'ordine ovviamente non ci sono o non sono sufficienti.

Insomma, si è giunti al vecchio dilemma che a Maggio pareva passato, ossia scegliere fra economia e salute,sapendo che son danneggiate entrambe
Torniamo al vecchio discorso dello Stato ostaggio dei propri cittadini, altro che Dittatura della Salute etc.

I Tuoi amici cinesi intanto ridono, forse loro gli antivirus già li hanno, e altro che Norton :)

F.F.
Hakaishin ha scritto:
capisco i proverbi e capisco di calcio. a livello di tattica di sport di squadra più in generale nessuno qua dentro sa conosce ed ha vissuto quello che ho vissuto io
.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 12:04 pm

Di nuovo: non si tratta di scegliere tra economia e salute, perche' se non chiudi subito un po' di locali, devi chiudere il 90% delle attivita' dopo un po' di tempo.

Leggevo quanto diceva Rummenigge sulla Bundesliga: non chiudere, mandare i tifosi allo stadio, o il campionato, anche dopo il virus, non sara' mai piu' come prima.

Ecco: ma se il campionato di calcio non sara' mai piu' come prima, gireranno meno soldi, meno lavoro, meno squadre, quale e' esattemente il problema? Alla lunga, se girano meno soldi li' ne gireranno piu' altrove, i soldi quelli sono. Magari il tifoso dello Schalke invece di andare allo stadio va alle terme con la moglie. Ma quale e' il problema?

Il problema e' gestire in modo particolare se troppe persone perdono il lavoro contemporaneamente.

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 12:13 pm

Nickognito ha scritto:Di nuovo: non si tratta di scegliere tra economia e salute, perche' se non chiudi subito un po' di locali, devi chiudere il 90% delle attivita' dopo un po' di tempo.

Leggevo quanto diceva Rummenigge sulla Bundesliga: non chiudere, mandare i tifosi allo stadio, o il campionato, anche dopo il virus, non sara' mai piu' come prima.

Ecco: ma se il campionato di calcio non sara' mai piu' come prima, gireranno meno soldi, meno lavoro, meno squadre, quale e' esattemente il problema? Alla lunga, se girano meno soldi li' ne gireranno piu' altrove, i soldi quelli sono. Magari il tifoso dello Schalke invece di andare allo stadio va alle terme con la moglie. Ma quale e' il problema?

Il problema e' gestire in modo particolare se troppe persone perdono il lavoro contemporaneamente.


Vabbè ma il calcio è semplicemente un mondo che non vuole perdere i propri privilegi.
Anche se, va detto, che anche li le serie inferiori sono quelle che avranno i problemi veri, mica Ronaldo.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 12:44 pm

chiaky ha scritto:
alessandro ha scritto:
Paolo79 ha scritto:a proposito dei disturbi mentali creati dal covid (o da ciò che é stato fatto per contrastarlo)...la Great Barrigton Declaration

https://gbdeclaration.org/dichiarazione ... arrington/

In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?

Ma anche con mortalità bassa infettando miliardi di persone quanto intasi gli ospedali? E le terapie intensive? E quanti morti avrai?

Chi ci ha provato ha fatto inversione a U dopo il disastro che ha visto come UK all’inizio.


Premesso che non mi sento di condividere granchè la cosa postata, non è che tutti queli che hanno adottato questa cosa abbiano fatto inversione a U.
La Svezia e il Giappone no, per esempio. Hanno lasciato tutto aperto sempre e continuano a farlo.


La Svezia ha 4 volte i morti dei vicini di casa, il Giappone comunque ha sigillato i confini e le mascherine le hanno sempre usate. Magari ha aiutato l’essere un’isola.
E credo siano molto rispettosi delle regole.

Presumo che con confini chiusi, mascherine e regole rispettate si poteva evitare la chiusura totale, magari non in Italia dove ci siamo accorti della diffusione quando era tardi.
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 12:46 pm

Ma poi sembra che gli svedesi invitino la gente a riempire i locali. Li invitano a stare a casa, solo che non li obbligano. Mica danno incentivi per riempire i locali, piu' son vuoti, piu' son contenti.

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12313
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Rosewall » dom ott 11, 2020 1:23 pm

alessandro ha scritto:Considera però che anche se in un mese di scuola hai 2000 contagiati, gli studenti (da asilo nido ad università) sono molti milioni che vanno ogni giorno.
lo 0,037%.
Nessuno qui sostiene che la scuola non sia un'importante fonte di contagio. Infatti si possono chiudere singole classi o se proprio va male scuole, prima di arrivare alla chiusura totale.
Ma si dice che più ci sono contagi nelle scuole e più devi restringere le attività meno essenziali della scuola. Le uniche attività che non servirebbe limitare per ridurre R0 "totale" sono quelle a rischio di contagio 0 (zero).
Si può inoltre fare di più a scuola in termini di monitoraggio (test di gruppo, test rapidi), di analisi (dati comunicati puntualmente a tutti), di distanziamento (lezione a distanza a rotazione, ingressi nelle classi scaglionati).
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

tuborovescio
Saggio
Messaggi: 9639
Iscritto il: mer dic 17, 2008 5:30 pm
Località: Colorado

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda tuborovescio » dom ott 11, 2020 1:28 pm

Vabbè chiaky canta, mica è andato a scuola,
che ne sa cosa vuol dire 0,037% :D

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 1:33 pm

A scuola vengono prese molte precauzioni.
Alle superiori tengono la mascherina per tutta la scuola dalle 8 all’una e pure all’uscita, qui poi tengono ogni classe distanziata dalle altre o con contatti limitati solo tra 2 classi.
All’uscita ogni studente ha un colore al collo per non far mischiare classi diverse.

Mi pare sia fatto tutto bene.

Se poi al pomeriggio vanno a calcio o a basket o si ritrovano in 20 al parco o al bar è un altro discorso
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Avatar utente
Rosewall
FooLminato
Messaggi: 12313
Iscritto il: gio gen 25, 2007 11:42 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Rosewall » dom ott 11, 2020 1:45 pm

alessandro ha scritto:In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?
ammettiamo che pur di non attuare provvedimenti liberticidi (quali far mettere a tutti la mascherina, osservare il distanziamento fisico, e scaricare un'app) sia preferibile e possibile instaurare un simpatico regime di segregazione per gli over 50.
E vediamola solo da un punto di vita meramente astratto.
Consideriamo i due insiemi separati: insieme A degli under 50 incentivati ad infettarsi.
Ed insiene B degli over 50 segregati. In tale scenario (distopico) i due insiemi interagiscono fra loro molto meno che nel contesto "normale". Ma attenzione: le interazioni fra A e B comunque ci sono (ovviamente).
Ora, se da una parte i membri di B sono protetti dall'interagire meno coi membri di A, dall'altra quelle minori interazioni con A sono molto più pericolose perchè le probabilità che un membro di A sia positivo sono molto maggiori (l'insieme A essendo pieno di contagiati).
Cioè, ora che raggiungi "l'immunità di gregge" fra i giovani, hai devastato gli altri.
Ricordiamoci anche che arrivare al 40% dei contagiati nella popolazione, significa Val Seriana come numeri di terapie intensive e decessi (certo, l'obiezione è che questa volta si proteggerebbero tutti quelli più a rischio. Okay. Come?).
"A torto o ragione, la regina dei nostri tempi".

Avatar utente
Fantasio
Illuminato
Messaggi: 4077
Iscritto il: mer mag 24, 2006 1:49 pm
Località: Roma

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Fantasio » dom ott 11, 2020 2:20 pm

Situazione reale negli USA:
https://medicalxpress.com/news/2020-10- ... mated.html
In sostanza oggi siamo a circa 300mila morti, da loro. A fine anno il loro numero dei morti sarà simile a quello che hanno avuto nella seconda guerra mondiale.
"And he gave so much, and he wanted so little in return"

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 2:22 pm

Piu' che altro non si sa quanto dura l'immunita'. Pochi mesi, magari, difficile raggiungerla anche restringendo il gregge.

Pero' potresti creare delle bolle al contrario. Per entrare, nessun tampone, quando ci esci vai in quarantena, ma nella bolla negozi e alberghi e teatri e locali aperti quanto vuoi senza sicurezza. Non ti testano e anche se hai la febbre fai quel che vuoi. Pero' per starci devi sottoscrivere un'assicurazione privata che ti paga le cure statali se saranno necessarie, con costi diversi a seconda della tua eta' e stato di salute.

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 2:38 pm

Leggevo oggi che un paziente in terapia intensiva costa 100.000 euro
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 2:40 pm

alessandro ha scritto:Leggevo oggi che un paziente in terapia intensiva costa 100.000 euro


che pagano i cittadini per sostenere il bar e ristorante che diffonde i contagi. Ottimo per l'economia!

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 2:55 pm

Nickognito ha scritto:
alessandro ha scritto:Leggevo oggi che un paziente in terapia intensiva costa 100.000 euro


che pagano i cittadini per sostenere il bar e ristorante che diffonde i contagi. Ottimo per l'economia!

Sono cose da valutare.
Se ad esempio convenga chiudere un bar che statisticamente creerebbe una o due terapie intensive e dagli 50.000 euro.

(Lo stato risparmia 50.000 euro)
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:03 pm

alessandro ha scritto:
chiaky ha scritto:
alessandro ha scritto:In pratica che i giovani si infettino tutti tanto ne muore una percentuale piccola e così si raggiunge l’immunità di gregge, i vecchi rinchiusi e isolati.
E i 50/60 enni?

Ma anche con mortalità bassa infettando miliardi di persone quanto intasi gli ospedali? E le terapie intensive? E quanti morti avrai?

Chi ci ha provato ha fatto inversione a U dopo il disastro che ha visto come UK all’inizio.


Premesso che non mi sento di condividere granchè la cosa postata, non è che tutti queli che hanno adottato questa cosa abbiano fatto inversione a U.
La Svezia e il Giappone no, per esempio. Hanno lasciato tutto aperto sempre e continuano a farlo.


La Svezia ha 4 volte i morti dei vicini di casa, il Giappone comunque ha sigillato i confini e le mascherine le hanno sempre usate. Magari ha aiutato l’essere un’isola.
E credo siano molto rispettosi delle regole.

Presumo che con confini chiusi, mascherine e regole rispettate si poteva evitare la chiusura totale, magari non in Italia dove ci siamo accorti della diffusione quando era tardi.


Riguardo la Svezia, i morti fanno parte del progetto eh...se vuoi arrivare all'immunità di gregge qualche morto lo devi mettere in conto. E' quello che hanno fatto.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 3:04 pm

Se non da' nulla ne risparmia centomila. Detto questo, i bar sono moltissimi di piu' delle terapie intensive.

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:05 pm

Rosewall ha scritto:
alessandro ha scritto:Considera però che anche se in un mese di scuola hai 2000 contagiati, gli studenti (da asilo nido ad università) sono molti milioni che vanno ogni giorno.
lo 0,037%.
Nessuno qui sostiene che la scuola non sia un'importante fonte di contagio. Infatti si possono chiudere singole classi o se proprio va male scuole, prima di arrivare alla chiusura totale.
Ma si dice che più ci sono contagi nelle scuole e più devi restringere le attività meno essenziali della scuola. Le uniche attività che non servirebbe limitare per ridurre R0 "totale" sono quelle a rischio di contagio 0 (zero).
Si può inoltre fare di più a scuola in termini di monitoraggio (test di gruppo, test rapidi), di analisi (dati comunicati puntualmente a tutti), di distanziamento (lezione a distanza a rotazione, ingressi nelle classi scaglionati).

Ma la scuola la puoi fare in smart working. Perchè le devi tenere aperte per forza?

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:06 pm

tuborovescio ha scritto:Vabbè chiaky canta, mica è andato a scuola,
che ne sa cosa vuol dire 0,037% :D

Purtroppo credo di aver fatto più scuole di voi, perchè alle vostre ci ho aggiunto pure il conservatorio.

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:09 pm

alessandro ha scritto:Leggevo oggi che un paziente in terapia intensiva costa 100.000 euro

Beh allora meglio i tumori, li il cittadino paga direttamente lo Stato (con il fumo) per prendersi il tumore e farsi curare :D

Burano
Saggio
Messaggi: 8236
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Burano » dom ott 11, 2020 3:10 pm

Ma immunità di gregge de che? Non è neppure chiaro se si resta davvero immuni dopo averlo avuto una volta...
Lo voglio rivedere, Fabio

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 3:10 pm

Nickognito ha scritto:Se non da' nulla ne risparmia centomila. Detto questo, i bar sono moltissimi di piu' delle terapie intensive.

Il casinò lo fanno i locali notturni e le tavolate nei ristoranti
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:13 pm

alessandro ha scritto:
Nickognito ha scritto:Se non da' nulla ne risparmia centomila. Detto questo, i bar sono moltissimi di piu' delle terapie intensive.

Il casinò lo fanno i locali notturni e le tavolate nei ristoranti


Ecco, chiudiamo i casinò, che è meglio :D

Avatar utente
alessandro
Massimo Carbone
Messaggi: 21733
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: desenzano
Contatta:

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda alessandro » dom ott 11, 2020 3:14 pm

Nel Napoletano focolaio a matrimonio con 200 invitati

Ombraaaaa!!!
Il primo a postare un messaggio alla nascita di questo forum

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 3:15 pm

chiaky ha scritto:Riguardo la Svezia, i morti fanno parte del progetto eh...se vuoi arrivare all'immunità di gregge qualche morto lo devi mettere in conto. E' quello che hanno fatto.


e hanno sbagliato, visto che non sono arrivati all'immunita' di gregge. Ma poi la Repubblica Ceca ha fatto come la Svezia, solo che una citta' grande come Praga li' non esiste, e fuori citta' li' sono tutti isolati, e gli svedesi sono piu' paurosi dei cechi e escono di meno :D

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:22 pm

Nickognito ha scritto:
chiaky ha scritto:Riguardo la Svezia, i morti fanno parte del progetto eh...se vuoi arrivare all'immunità di gregge qualche morto lo devi mettere in conto. E' quello che hanno fatto.


e hanno sbagliato, visto che non sono arrivati all'immunita' di gregge. Ma poi la Repubblica Ceca ha fatto come la Svezia, solo che una citta' grande come Praga li' non esiste, e fuori citta' li' sono tutti isolati, e gli svedesi sono piu' paurosi dei cechi e escono di meno :D

Ma non credo non escano per la paura, è che se esci in Svezia la sera dove cazzo vai? :D Fa freddo, è buio e c'è un piattume che levate...

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 3:24 pm

Non credi, ma i locali sono molto piu' vuoti del solito :)

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:26 pm

Cmq a parte gli scherzi, per arrivare a una immunità di gregge ci vogliono anni. E' quello che succedeva nelle epidemie antiche. Nessuno aveva le conoscenze per approntare un qualche tipo di difesa, le epidemie si sfogavano, chi doveva morire moriva, chi si salvava si salvava e poi finivano, ma ci volevano anni.
Anche difendendosi ci vogliono anni, anzi forse anche di più perchè non la si lascia sfogare e fare il suo corso, ma almeno limiti i danni nell'attesa di un vaccino o di cure miracolose.
Per una immunità di gregge ci vogliono diversi anni, è sostanzialmente per questo motivo che non è una scelta così giusta applicare questo tipo di progetto.
Ultima modifica di chiaky il dom ott 11, 2020 3:27 pm, modificato 1 volta in totale.

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:27 pm

Nickognito ha scritto:Non credi, ma i locali sono molto piu' vuoti del solito :)

Non sapevo abitassi A Goteborg, recentemente.
:D

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 132225
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Nickognito » dom ott 11, 2020 3:27 pm

chiaky ha scritto:
Nickognito ha scritto:Non credi, ma i locali sono molto piu' vuoti del solito :)

Non sapevo abitassi A Goteborg, recentemente.
:D


so leggere!

chiaky
Massimo Carbone
Messaggi: 15271
Iscritto il: dom feb 02, 2003 12:14 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda chiaky » dom ott 11, 2020 3:34 pm

Nickognito ha scritto:
chiaky ha scritto:
Nickognito ha scritto:Non credi, ma i locali sono molto piu' vuoti del solito :)

Non sapevo abitassi A Goteborg, recentemente.
:D


so leggere!

Lo svedese? :lol:

Capirai, i giornali italiani...quando ero in Japan durante il terremoto qua scrivevano che c'era il teatro di Yokohama ricoperto dalle acque e io ero li e non c'era nemmeno una goccia, e poi scrivevano che Tokyo era deserta e non ho mai visto tanta gente in giro come in quei giorni :lol: :lol: :lol:

Avatar utente
laplaz
Massimo Carbone
Messaggi: 22682
Iscritto il: lun set 05, 2005 10:37 am

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda laplaz » dom ott 11, 2020 5:05 pm

https://lab.gedidigital.it/gedi-visual/ ... in-italia/

Sempre alti i nuovi contagi. TI sempre molto contenute.

Avatar utente
Fantasio
Illuminato
Messaggi: 4077
Iscritto il: mer mag 24, 2006 1:49 pm
Località: Roma

Re: Coronavirus la sindrome mondiale

Messaggioda Fantasio » dom ott 11, 2020 5:18 pm

laplaz ha scritto:https://lab.gedidigital.it/gedi-visual/2020/coronavirus-i-contagi-in-italia/

Sempre alti i nuovi contagi. TI sempre molto contenute.

Il rapporto positivi/tamponi supera il 5%, e non era così alto dal 27 aprile.
Rispetto a due mesi fa, ricoverati da 800 a 4500, TI da 50 a 420. ma tutto va bene, non c'è pericolo, le restrizioni sono inutili e le mascherine fanno male.
"And he gave so much, and he wanted so little in return"


Torna a “Politica e società”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alga e 18 ospiti