Sport e nazionalismo.

...potete trovare anche un topic sul Cricket!!!
Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 8:53 am

Per evitare di parlarne troppo in altri topic, direi che ci sta un topic apposito.

Inizierei con una citazione famosa sullo sport del 1945.

Now that the brief visit of the Dynamo football team has come to an end, it is possible to say publicly what many thinking people were saying privately before the Dynamos ever arrived. That is, that sport is an unfailing cause of ill-will, and that if such a visit as this had any effect at all on Anglo-Soviet relations, it could only be to make them slightly worse than before.

Even the newspapers have been unable to conceal the fact that at least two of the four matches played led to much bad feeling. At the Arsenal match, I am told by someone who was there, a British and a Russian player came to blows and the crowd booed the referee. The Glasgow match, someone else informs me, was simply a free-for-all from the start. And then there was the controversy, typical of our nationalistic age, about the composition of the Arsenal team. Was it really an all-England team, as claimed by the Russians, or merely a league team, as claimed by the British? And did the Dynamos end their tour abruptly in order to avoid playing an all-England team? As usual, everyone answers these questions according to his political predilections. Not quite everyone, however. I noted with interest, as an instance of the vicious passions that football provokes, that the sporting correspondent of the russophile News Chronicle took the anti-Russian line and maintained that Arsenal was not an all-England team. No doubt the controversy will continue to echo for years in the footnotes of history books. Meanwhile the result of the Dynamos' tour, in so far as it has had any result, will have been to create fresh animosity on both sides.

And how could it be otherwise? I am always amazed when I hear people saying that sport creates goodwill between the nations, and that if only the common peoples of the world could meet one another at football or cricket, they would have no inclination to meet on the battlefield. Even if one didn't know from concrete examples (the 1936 Olympic Games, for instance) that international sporting contests lead to orgies of hatred, one could deduce it from general principles.

Nearly all the sports practised nowadays are competitive. You play to win, and the game has little meaning unless you do your utmost to win. On the village green, where you pick up sides and no feeling of local patriotism is involved. it is possible to play simply for the fun and exercise: but as soon as the question of prestige arises, as soon as you feel that you and some larger unit will be disgraced if you lose, the most savage combative instincts are aroused. Anyone who has played even in a school football match knows this. At the international level sport is frankly mimic warfare. But the significant thing is not the behaviour of the players but the attitude of the spectators: and, behind the spectators, of the nations who work themselves into furies over these absurd contests, and seriously believe — at any rate for short periods — that running, jumping and kicking a ball are tests of national virtue.

Even a leisurely game like cricket, demanding grace rather than strength, can cause much ill-will, as we saw in the controversy over body-line bowling and over the rough tactics of the Australian team that visited England in 1921. Football, a game in which everyone gets hurt and every nation has its own style of play which seems unfair to foreigners, is far worse. Worst of all is boxing. One of the most horrible sights in the world is a fight between white and coloured boxers before a mixed audience. But a boxing audience is always disgusting, and the behaviour of the women, in particular, is such that the army, I believe, does not allow them to attend its contests. At any rate, two or three years ago, when Home Guards and regular troops were holding a boxing tournament, I was placed on guard at the door of the hall, with orders to keep the women out.

In England, the obsession with sport is bad enough, but even fiercer passions are aroused in young countries where games playing and nationalism are both recent developments. In countries like India or Burma, it is necessary at football matches to have strong cordons of police to keep the crowd from invading the field. In Burma, I have seen the supporters of one side break through the police and disable the goalkeeper of the opposing side at a critical moment. The first big football match that was played in Spain about fifteen years ago led to an uncontrollable riot. As soon as strong feelings of rivalry are aroused, the notion of playing the game according to the rules always vanishes. People want to see one side on top and the other side humiliated, and they forget that victory gained through cheating or through the intervention of the crowd is meaningless. Even when the spectators don't intervene physically they try to influence the game by cheering their own side and “rattling” opposing players with boos and insults. Serious sport has nothing to do with fair play. It is bound up with hatred, jealousy, boastfulness, disregard of all rules and sadistic pleasure in witnessing violence: in other words it is war minus the shooting.

Instead of blah-blahing about the clean, healthy rivalry of the football field and the great part played by the Olympic Games in bringing the nations together, it is more useful to inquire how and why this modern cult of sport arose. Most of the games we now play are of ancient origin, but sport does not seem to have been taken very seriously between Roman times and the nineteenth century. Even in the English public schools the games cult did not start till the later part of the last century. Dr Arnold, generally regarded as the founder of the modern public school, looked on games as simply a waste of time. Then, chiefly in England and the United States, games were built up into a heavily-financed activity, capable of attracting vast crowds and rousing savage passions, and the infection spread from country to country. It is the most violently combative sports, football and boxing, that have spread the widest. There cannot be much doubt that the whole thing is bound up with the rise of nationalism — that is, with the lunatic modern habit of identifying oneself with large power units and seeing everything in terms of competitive prestige. Also, organised games are more likely to flourish in urban communities where the average human being lives a sedentary or at least a confined life, and does not get much opportunity for creative labour. In a rustic community a boy or young man works off a good deal of his surplus energy by walking, swimming, snowballing, climbing trees, riding horses, and by various sports involving cruelty to animals, such as fishing, cock-fighting and ferreting for rats. In a big town one must indulge in group activities if one wants an outlet for one's physical strength or for one's sadistic impulses. Games are taken seriously in London and New York, and they were taken seriously in Rome and Byzantium: in the Middle Ages they were played, and probably played with much physical brutality, but they were not mixed up with politics nor a cause of group hatreds.

If you wanted to add to the vast fund of ill-will existing in the world at this moment, you could hardly do it better than by a series of football matches between Jews and Arabs, Germans and Czechs, Indians and British, Russians and Poles, and Italians and Jugoslavs, each match to be watched by a mixed audience of 100,000 spectators. I do not, of course, suggest that sport is one of the main causes of international rivalry; big-scale sport is itself, I think, merely another effect of the causes that have produced nationalism. Still, you do make things worse by sending forth a team of eleven men, labelled as national champions, to do battle against some rival team, and allowing it to be felt on all sides that whichever nation is defeated will “lose face”.

I hope, therefore, that we shan't follow up the visit of the Dynamos by sending a British team to the USSR. If we must do so, then let us send a second-rate team which is sure to be beaten and cannot be claimed to represent Britain as a whole. There are quite enough real causes of trouble already, and we need not add to them by encouraging young men to kick each other on the shins amid the roars of infuriated spectators.


(George Orwell)
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 8:54 am

7 views in 10 secondi? Ma che e'? :D
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3220
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda CAPELLINO » mer ago 17, 2016 9:24 am

Oggi c' è Serbia Croazia, il nazionalismo nello sport non esiste.
Si può chiudere il topic.
:D :D :D :D
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 37526
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Johnny Rex » mer ago 17, 2016 9:28 am

CAPELLINO ha scritto:Oggi c' è Serbia Croazia, il nazionalismo nello sport non esiste.
Si può chiudere il topic.
:D :D :D :D


:D Aspetto con ansia anche Croazia-Montenegro nella Pallanuoto, e penso Savicevic e Boban stiano aspettando anch'essi.

F.F.
Sono Inavvicinabili

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3220
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda CAPELLINO » mer ago 17, 2016 9:50 am

La riflessione di Orwell, che non conoscevo, è ovviamente molto interessante, certo che lo sport del 900, come l' arte, la musica ecc. è frutto dello spirito del tempo.
È lo sfogo di energie vitali come giustamente sottolinea Orwell che, nella società urbanizzata, fanno fatica a venire sfogate diversamente, ma queste energie, questi istinti sono innati e il modo " meno pericoloso " di sfogarli forse è proprio lo sport.
Poi certo l evoluzione per così dire nazionalistica che ha avuto lo sport, magari in controtendenza con lo sfaldamento sempre maggiore delle comunità va approfondito in effetti.
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 10:02 am

La mia opinione e' abbastanza semplice:

lo sport non e' isolato dalla politica e dalla societa', e' qualcosa di collegato ad esse. Le gare fra nazioni sono un fenomeno importante nella formazione dell' identita' nazionale, variabile come importanza a seconda della presenza o meno di altri fattori. La forza dell' identita' nazionale ha diversi effetti, che vanno dalla migliore convivenza di etnia diverse, per dire, in una singola nazione, alla violenza di alcune nazioni contro altre, al desiderio di indipendenza di una nazione in una federazione, e cosi' via. Tutto questo dipende certo dal contesto storico, politico, sociale.

Un giudizio morale sul tema dipenda ovviamente dal giudizio morale che abbiamo su nazionalismo e identita' nazionale, sui loro rischi e benefici. Personalmente credo che gli effetti negativi siano piu' gravi, di conseguenza abolirei le competizioni fra nazioni, anche proprio perche' per me delle Olimpiadi senza nazioni con un inno olimpico comune mondiale sarebbe davvero un messaggio che consentirebbe allo sport di essere davvero un vettore di valori che condivido.

In piu' c' e' un tema politico. Molti sport vanno avanti con le tasse pagate dai cittadini che, pero' , non pagherebbero e non pagano per vedere quegli sport come spettacolo. Questo a nome di una gloria nazionale, diciamo (non tanto a beneficio dello sport in generale, o alla pratica dello stesso sport nel paese). Io personalmente farei diversamente, riserverei le risorse economiche al favorire lo sport praticato, non quello visto in tv, e lascerei ai privati, agli sponsor e cosi' via il finanziamento dello sport visto in tv e stadi su base globale e non nazionale.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3220
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda CAPELLINO » mer ago 17, 2016 2:55 pm

Ok.
L' alternativa però qual' è? L atomizzazione? Cioè non è che siamo arrivati al nazionalismo e alle identità nazionali dal nulla, ci siamo arrivati perché prima c erano delle comunità che si sono via via evolute ( o involute a seconda dei punti di vista) in nazioni. Dopo la rivoluzione francese, venendo a mancare lo stato/monarchia per diritto divino , l uomo si è dovuto inventare il concetto di nazione moderna , per questo, come dice Orwell, nel medioevo gli sport c erano ma non erano legati all' identità nazionale.
Ripensare quindi lo sport per ripensare il mondo? Si ma come? Eliminando i nazionalismi e sostituendoli con cosa con un nazionalismo più grande, mondiale? Oppure l alternativa è isolarsi, pensare all individuo singolo, tu mi pare sei contrario proprio al concetto di nazione più che di nazionalismo, se esiste una comunità (nazione) questa cercherà sempre di superare l' altra, di dominarla, io soluzioni non ne vedo.
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 3:30 pm

CAPELLINO ha scritto:Ok.
L' alternativa però qual' è? L atomizzazione? Cioè non è che siamo arrivati al nazionalismo e alle identità nazionali dal nulla, ci siamo arrivati perché prima c erano delle comunità che si sono via via evolute ( o involute a seconda dei punti di vista) in nazioni. Dopo la rivoluzione francese, venendo a mancare lo stato/monarchia per diritto divino , l uomo si è dovuto inventare il concetto di nazione moderna , per questo, come dice Orwell, nel medioevo gli sport c erano ma non erano legati all' identità nazionale.
Ripensare quindi lo sport per ripensare il mondo? Si ma come? Eliminando i nazionalismi e sostituendoli con cosa con un nazionalismo più grande, mondiale? Oppure l alternativa è isolarsi, pensare all individuo singolo, tu mi pare sei contrario proprio al concetto di nazione più che di nazionalismo, se esiste una comunità (nazione) questa cercherà sempre di superare l' altra, di dominarla, io soluzioni non ne vedo.


Per me la soluzione e' evitare una retorica che faccia pensare che la nostra nazionata' sia piu' importante di nostre altre caratteristiche e che il gruppo basato sulle nazioni sia piu' importante di quello basato su gusti personali, eta', etnia, genere, e cosi' via. Ovviamente questo non cambia il mondo. Ma come non farei le gare di atletica i bianchi con la divisa dei bianchi e i neri con la divisa dei neri, cosi' non userei nessuna divisa nazionale e divisione, ma farei partecipare gli atleti come manifestazione puramente sportiva. Negli sport a squadre si potrebbero mantenere anche squadre nazionali, ma comunque senza inni, bandiere, e cosi' via. Oppure potremmo semplicemente mandare le squadre di club. Oppure fare squadre con divisione anche geografica, ma non equivalente alle nazioni. In piu', ripeto, abolirei il finanziamento a quelli sport che non sono seguiti se non per motivi nazionalistici.

Poi, sull' utopia del mondo senza confini, beh, chi viaggia, per esempio, raramente e' razzista. La globalizzazione aiuta molto rispetto alla ristrettezza. Per il resto e' ancora un 'utopia e ovviamente un unico governo mondiale avrebbe pesanti controindicazioni, ma il mio non e' un rifiuto della nazione, e' il rifiuta che esista una identita' prevalente e non ce ne siano diverse sovrapponibili, come non e' assurdo che ci siano leggi comunali, regionali, sovranazionali, e cosi' via.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
Johnny Rex
Massimo Carbone
Messaggi: 37526
Iscritto il: gio set 15, 2005 2:21 pm
Località: Salò
Contatta:

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Johnny Rex » mer ago 17, 2016 3:45 pm

Nel 1978 ai Mondiali Argentini il Perù di proposito vendette la partita (fu comodo attribuirla al solo Quiroga, misteriosamente titolare anche 4 anni dopo in Spagna, strano davvero per le teorie secondo cui l'avrebbe venduta lui solo..) coi padroni di casa perdendo 6 a 0.
Più che il nazionalismo poterono soldi ed ajuti economici :) .

Personalmente ho sempre visto in eventi pilotati (I già detti mondiali del 1978 , ma anche il silenzio sul clamoroso dopaggio tedesco nel 1954, i Mondiali del 1934, quando furono radiati dalle rispettive federazioni 2/3 arbitri delle gare dell'Italia, per citare solo casi clamorosi) una conferma di quanto sia influenzabile dall'alto, e non il contrario.

Un esempio che mi si potrebbe portare a contrario i successi tennistici di Althea Gibson e Arthur Ashe, ben narrati nel libro di Alessandro Mastroluca dedicato al secondo , un caso in cui lo sport influenza la società ad un determinato cambiamento.
Ma sia Gibson che Ashe poterono giocare in uno sport prima riservato ai bianchi poiché il vento stava cambiando e fu permesso loro (fortunatamente) di giocare.
Generalmente il mondo sportivo accompagna il Wind of change (o il non vento, se volete) ed anche abbastanza celermente, anche più di altri ambiti ,ma mi rimane difficile vedere nello sport una causa, casomai una scusa, un detonatore come ce ne possono essere 1000 altre.

F.F.
Sono Inavvicinabili

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 29129
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda dsdifr » mer ago 17, 2016 4:54 pm

vabbè, io riscrivo ciò che ho scritto di là.

dsdifr ha scritto:
Nickognito ha scritto:
dsdifr ha scritto:no.


Ok. Ma ammetterei che la fanno proprio per quello, almeno. Magari si sbagliano, ma sarai almeno d' accordo che uno scopo della propaganda nazionalista sia il causare il rafforzamento del nazionalismo, almeno, no?

Ma, ripeto, stai anche rispondendo in generale, non solo per lo sport. Se pensi che in generale il nazionalismo non sia anche conseguenza di una propaganda nazionalista, ma solo qualcosa di preesistente, acquisito in un qualche modo che non so se tu identifichi, non so bene cosa rispondere, siamo su opinioni proprio sull' oggettivita' troppo diverse forse per comunicare, tanto piu' se il mio atteggiamento e' quello 'ci sono opinioni di diverso tipo' e il tuo che no (almeno sullo sport qui) le opinioni di cui parlo sono tutte assurde e ridicole.



ho due osservazioni:

1- L'organizzazione di grandi eventi sportivi è ovviamente sfruttata come veicolo di propaganda di governo. Ma d'altra parte tante cose belle e maestose e che ancora adesso sono patrimonio dell'umanità sono state realizzate perché chi ci ha messo i soldi li concepiva come veicolo di propaganda.
Le piramidi sono veicolo di propaganda. Il colosseo è un veicolo di propaganda. San Pietro è un veicolo di propaganda. La cappella sistina è un veicolo di propaganda. Gli Uffizi sono un veicolo di propaganda. Tutti i capolavori dipinti o scolpiti dagli artisti del nostro Rinascimento sono stati veicolo di propaganda (pensi che non godesse, Lorenzo, a farsi chiamare il Magnifico?)

2- a differenza dell'architettura e delle altre arti, rispetto ad altri veicoli di propaganda lo sport ha anche una componente in più: che poi il risultato eventualmente può andare anche contro questa propaganda, e il governo spesso non può farci niente.
Nel 1936 il regime nazista diceva che la razza ariana era superiore fisicamente a tutte le altre, eppure Owens li ha surclassati in tutte le specialità: quindi evidentemente il verdetto della pista è andato contro la propaganda.
Prima del 1950 gli inglesi raccontavano di essere maestri del calcio, superiori a tutti; poi son scesi in campo ai mondiali e han perso contro dei dilettanti. Ciao ciao all'orgoglio nazionale di essere i maestri del calcio.
Nel 2014 il governo brasiliano avrebbe volentieri incoronato i suoi calciatori campioni del mondo. Invece han subito una umiliazione epica.
E allora senza dubbio il nazionalismo - nel senso di concetto per cui gli appartenenti ad una nazione siano intrinsecamente migliori di tutti gli stranieri proprio per il fatto di appartenervi - è stato preso a calci in culo dal verdetto del campo e della pista in tutte queste circostanze. Magari il governo si sarà preso gli applausi perché ha fatto costruire dei begli impianti, ma di sicuro l'idea della superiorità etnica o nazionale non è stata certo incoraggiata dalla competizione sportiva - anzi.

Burano
Saggio
Messaggi: 5946
Iscritto il: mer gen 30, 2002 1:00 am
Località: L'Italia che non vuole bene

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Burano » mer ago 17, 2016 5:33 pm

Sul Tirreno ieri tutti gasati perchè la Toscana è la regione leader per medaglie. Direi che non se ne esce :)
Lo voglio rivedere, Fabio

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 5:58 pm

dsdifr ha scritto:
1- L'organizzazione di grandi eventi sportivi è ovviamente sfruttata come veicolo di propaganda di governo. Ma d'altra parte tante cose belle e maestose e che ancora adesso sono patrimonio dell'umanità sono state realizzate perché chi ci ha messo i soldi li concepiva come veicolo di propaganda.

2- a differenza dell'architettura e delle altre arti, rispetto ad altri veicoli di propaganda lo sport ha anche una componente in più: che poi il risultato eventualmente può andare anche contro questa propaganda, e il governo spesso non può farci niente.
Nel 1936 il regime nazista diceva che la razza ariana era superiore fisicamente a tutte le altre, eppure Owens li ha surclassati in tutte le specialità: quindi evidentemente il verdetto della pista è andato contro la propaganda.
Prima del 1950 gli inglesi raccontavano di essere maestri del calcio, superiori a tutti; poi son scesi in campo ai mondiali e han perso contro dei dilettanti. Ciao ciao all'orgoglio nazionale di essere i maestri del calcio.
Nel 2014 il governo brasiliano avrebbe volentieri incoronato i suoi calciatori campioni del mondo. Invece han subito una umiliazione epica.
E allora senza dubbio il nazionalismo - nel senso di concetto per cui gli appartenenti ad una nazione siano intrinsecamente migliori di tutti gli stranieri proprio per il fatto di appartenervi - è stato preso a calci in culo dal verdetto del campo e della pista in tutte queste circostanze. Magari il governo si sarà preso gli applausi perché ha fatto costruire dei begli impianti, ma di sicuro l'idea della superiorità etnica o nazionale non è stata certo incoraggiata dalla competizione sportiva - anzi.


1. E quindi? Tutte le cose che ci piacciono vanno bene anche se sono propaganda di qualunque governo? Non ho capito la conclusione.

2. Posto che le Olimpiadi naziste hanno visto la Germania stravincere il medagliere, piu' che i risultati mi sembra che conti la grandiosita' dell' organizzazione, e cosi' via.

3. io parlo di nazionalismo, non solo di propaganda di governo. O meglio, parlo di rafforzamento di una identita' nazionale in tutti i suoi sensi.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 29129
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda dsdifr » mer ago 17, 2016 6:17 pm

1- no, ma non necessariamente il fatto che siano propaganda vuol dire che siano cose negative per l'umanità.

2- ti ho già risposto, stesso discorso di 1.

3- può essere una cosa positiva se la competizione è sana. Dal comportamento degli atleti olimpici emerge il più delle volte rispetto dell'avversario, cameratismo e a volte anche amicizia al di là delle bandiere. Le olimpiadi o comunque i grabdi evebti sportivi sono l'unica occasione che la gente ha per vedere due persone di nazioni diverse che si abbracciano. Non è certo trasposizione della guerra, è proprio tutto un altro concetto: è migliorarsi competendo lealmente.
Se tutto questo resta fermo, non è un male se il signor rossi è contento se vince un italiano o il signor Chang se vince un cinese.
Se vince tutto quello sopra non c'è, è un male.
Come la maggior parte delle cose lo sport non è negativo o positivo a priori ma dipende da come lo si vive e lo si sfrutta ovviamente.
Ma se avessi un governo che mi dice che gli italiani sono i più fighi e forti di tutti in quanto italiani e poi alle olimpiadi vedo che un cinese ci surclassa, è più facile che capisca che il mio governo dice stronzate; e se vedo un cinese e un italiano che si dimostrano stima, tipo Campriani e il russo l'altro giorno, di certo questo non mi provoca odio nei confronti della nazione dell'altro o senso di superiorità, anzi. Semmai il contrario.

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 6:32 pm

dsdifr ha scritto:
3- può essere una cosa positiva se la competizione è sana. Dal comportamento degli atleti olimpici emerge il più delle volte rispetto dell'avversario, cameratismo e a volte anche amicizia al di là delle bandiere. Le olimpiadi o comunque i grabdi evebti sportivi sono l'unica occasione che la gente ha per vedere due persone di nazioni diverse che si abbracciano. Non è certo trasposizione della guerra, è proprio tutto un altro concetto: è migliorarsi competendo lealmente.
Se tutto questo resta fermo, non è un male se il signor rossi è contento se vince un italiano o il signor Chang se vince un cinese.
Se vince tutto quello sopra non c'è, è un male.
Come la maggior parte delle cose lo sport non è negativo o positivo a priori ma dipende da come lo si vive e lo si sfrutta ovviamente.
Ma se avessi un governo che mi dice che gli italiani sono i più fighi e forti di tutti in quanto italiani e poi alle olimpiadi vedo che un cinese ci surclassa, è più facile che capisca che il mio governo dice stronzate; e se vedo un cinese e un italiano che si dimostrano stima, tipo Campriani e il russo l'altro giorno, di certo questo non mi provoca odio nei confronti della nazione dell'altro o senso di superiorità, anzi. Semmai il contrario.


A me continua a sembrare che tu parti da un partito preso 'viva lo sport!' e poi tu argomenti :). Le obiezioni 'non causa nazionalismo' e questa che sembra essere 'causa nazionalismo ma in maggior misura fratellanza tra nazioni diverse' sono del tutto opposte. Hanno un comune solo il 'viva lo sport'. Ammettiamo pure che, alla fine di Italia Francia, la testata di Zidane e il rigore di Grosso, gli italiani a fine match abbiano avvertito la fratellanza con i francesi, gli abbracci finali, e non, che so 'mangiabaguette di merda, prendetevela nel culo, sii godoooo', ammettiamo pure che nel mondo globale di oggi una persona non abbia altro modo di vedere abbracciati italiani e francesi e veda i francesi lontanissimi, ma avvicinati dai mondiali di calcio.

Il problema non e' questo, e non e' quel che vuole il governo. Il nazionalismo non e' il mito di essere la nazione o razza superiore, e' solo l' idea che essere di una nazione (anche perdente, anche scarsa) conti molto. La nazione perdente che lotta con orgoglio con la mano sul cuore ascoltando l' inno crea appartenenza alla nazione, anche se poi perde tutti i match.

E, sopratutto, la mia proposta non e' di eliminare lo sport, ma le nazioni nello sport. Se Bolt abbraccia un francese a fine gara, lo so che non sono della stessa nazione, lo stesso, semplicemente dico 'Bolt' e non Giamaica, ma l' abbraccio lo vedo lo stesso, gli effetti positivi li avrei lo stesso. Se Nowitzki abbraccia Lebron a fine serie dopo averlo fatto perdere di brutto da favorito, vedo comunque il tedesco bianco e l' americano nero che si abbracciano, non ho bisogno di avere l' inno americano a inizio match, o la maglia tedesca o a stelle e strisce. Se la Schiavone abbraccia Na Li, non credo proprio che abbia un messaggio piu' positivo in Fed Cup che a Wimbledon. Lo so che sono di nazioni diverse.O forse mi sbaglio, eh, ma , ripeto, non e' che 'qualunque obiezione vada contro Nickognito e difenda lo sport al 100% come e' adesso va bene, tutto lo stesso brodo' altrimenti che discussione e'? :)
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
Mr Moonlight
Illuminato
Messaggi: 2963
Iscritto il: sab ago 23, 2008 10:29 pm
Località: Tuscany

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Mr Moonlight » mer ago 17, 2016 6:51 pm

Nickognito ha scritto:La mia opinione e' abbastanza semplice:

lo sport non e' isolato dalla politica e dalla societa', e' qualcosa di collegato ad esse. Le gare fra nazioni sono un fenomeno importante nella formazione dell' identita' nazionale, variabile come importanza a seconda della presenza o meno di altri fattori. La forza dell' identita' nazionale ha diversi effetti, che vanno dalla migliore convivenza di etnia diverse, per dire, in una singola nazione, alla violenza di alcune nazioni contro altre, al desiderio di indipendenza di una nazione in una federazione, e cosi' via. Tutto questo dipende certo dal contesto storico, politico, sociale.

Un giudizio morale sul tema dipenda ovviamente dal giudizio morale che abbiamo su nazionalismo e identita' nazionale, sui loro rischi e benefici. Personalmente credo che gli effetti negativi siano piu' gravi, di conseguenza abolirei le competizioni fra nazioni, anche proprio perche' per me delle Olimpiadi senza nazioni con un inno olimpico comune mondiale sarebbe davvero un messaggio che consentirebbe allo sport di essere davvero un vettore di valori che condivido.

In piu' c' e' un tema politico. Molti sport vanno avanti con le tasse pagate dai cittadini che, pero' , non pagherebbero e non pagano per vedere quegli sport come spettacolo. Questo a nome di una gloria nazionale, diciamo (non tanto a beneficio dello sport in generale, o alla pratica dello stesso sport nel paese). Io personalmente farei diversamente, riserverei le risorse economiche al favorire lo sport praticato, non quello visto in tv, e lascerei ai privati, agli sponsor e cosi' via il finanziamento dello sport visto in tv e stadi su base globale e non nazionale.

Come idea è bellissima, ma utopica.
Ciao
:)

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 7:01 pm

utopica non lo so , i calciatori, per dire, sono spesso infastiditi dalle nazionali, e cosi' i grandi club. I grandi atleti come Bolt non le hanno bisogno. I vari sport minori tanti seguiti alle Olimpiadi, ci vuol poco a dire alla gente che questi vivono per anni a fare giochi scemi pagati dalle nostre tasse e magari anche barando dopandosi. Gli eventi sportivi, come la nba e la premier league, sono in grado di fare caterve di soldi lasciando da parte le nazioni e, anzi, il loro internazionalizzarsi e' andato di pari passo a maggiori guadagni.

Insomma, per me sarebbe anche fattibile, e' vero che forse e' utopico che lo si voglia fare.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3220
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda CAPELLINO » mer ago 17, 2016 8:21 pm

Ecco il tema degli sport di squadra è interessante, sostituiamo le nazionali con i club, club come quali? Non quelli europei immagino, troppo radicati, non certo un West Ham o un Partizan, quindi un bel.club americano, come li chiamano loro? Orsetti di Boston, torelli di Chicago, vacche del Nebraska, bene questi club sarebbero di privati, privati ricchi ovviamente che potrebbero usare quei club per fare propaganda per sé stessi ad esempio, sempre meglio della propaganda nazionalistica in effetti. ....
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 8:37 pm

Ma comunque io al momento lascerei tutto come ora, ma senza medagliere inni e divise, anche divisi per squadre nazionali ma facendo suonare un inno olimpico, non composto da Allevi. Sarebbe un gesto simbolico importante, senza fare alcuna rivoluzione.

Non c'e' nulla di male a rappresentare una nazione in un gioco e a tifarla, l' importante e' il messaggio che lo si fa per gioco e che, alla fine del gioco, siamo tutti uguali, non divisi per nazioni. L' inno nazionale, di solito simbolo di guerra, peraltro, DOPO il match o PRIMA, fa capire invece che non c''e nulla di giocoso, e' una vera gara fra nazioni vere.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Avatar utente
CAPELLINO
Illuminato
Messaggi: 3220
Iscritto il: mer mag 09, 2007 10:52 pm
Località: POTENZA

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda CAPELLINO » mer ago 17, 2016 9:47 pm

Penavo, abbiamo parlato di quanto lo sport sia stato utile al nazionalismo, spesso è stato però il contrario, alcuni momenti della storia dello sport sono stati enormi proprio per quello che rappresentavano o perché hanno portato alcune scuole sportive a livelli superiori per sconfiggere il nemico/avversario.
Penso che non ci sia esempio più straordinario delle serie fra Urss e Canada nell' hockey su ghiaccio, il punto massimo di questo sport difficilmente pareggiabile.
È questo il motivo per cui non riesco a seguire gli sport americani soprattutto durante la regoular season, mi danno l idea di 82 amichevoli, mentre uno Usa Canada non lo è mai nemmeno ai mondiali under 18 e la spettacolarità è data anche dalla rivalità fra i due paesi ( parlo sempre di hockey).
GEORGE BEST:"SE FOSSI NATO BRUTTO, FORSE OGGI NESSUNO PARLEREBBE PIU' DI PELE'"

Nickognito
Massimo Carbone
Messaggi: 106672
Iscritto il: lun feb 07, 2005 2:31 am
Località: Praha

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nickognito » mer ago 17, 2016 9:53 pm

beh, si, se per quello io mi diverto anche a studiare le battaglie sentite con molti morti di qua e di la' , a storia, tifando una nazione. Pero' eviterei, ecco :)

Ma, di nuovo, la mia idea principale e' quella 'e' tutto un gioco', va bene sentirci ma rimane un gioco.
Avevamo studiato per l'aldilà un fischio,un segno di riconoscimento. Mi provo a modularlo nella speranza che tutti siamo morti senza saperlo.

Lyndon79
Saggio
Messaggi: 7742
Iscritto il: lun lug 02, 2007 10:55 pm
Località: Europa, più o meno2

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Lyndon79 » mer ago 17, 2016 10:01 pm

Vabbè, riposto l'articolo anche qui:

https://www.theguardian.com/commentisfr ... et-team-gb

Oh, va bene tutto, uno si può sentire olandese, padano, britannico, inglese, parigino, eccetera; ma su Mymag voglio sperare che il fatto che gli stati-nazione siano costruzioni sociali sia pacifico :) .
Per varie ragioni uno si può sentire quel che vuole, ma perculare qualcuno perchè si sente anzi europeo o toscano o lucchese anzichè italiano non ha molto senso. Tendiamo a Reificare lo stato-nazione come l'entità a cui è giusto e legittimo affidare la propria lealtà. Ma non sta mica scritto nelle tavole. Va benissimo se uno si sente 'nazionalista', ma non c'è alcuna superiorità ontologica per lo stato-nazione (per il singolo).

Avatar utente
PINDARO
L'Hazard del forum
Messaggi: 56330
Iscritto il: sab dic 18, 2004 3:43 pm

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda PINDARO » mar ago 30, 2016 7:15 pm

http://www.repubblica.it/sport/vari/201 ... 146731495/

Fortuna che Salvini non segue l'Nfl.
PINDARO ha scritto:Spot ME RA VI GLIO SO

Avatar utente
dsdifr
Massimo Carbone
Messaggi: 29129
Iscritto il: gio gen 01, 2009 1:00 am
Località: Firenze, Italia.

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda dsdifr » mar ago 30, 2016 7:54 pm

fece la stessa cosa a fine anni 90 (mi pare la stagione 95-96 se ricordo bene) nella NBA Mahmoud Abdoul-Raouf - all'anagrafe Chris Jackson - e con una nazione molto più anti-nazionalista.

Avatar utente
Nasty
Più decisivo di Borriello
Messaggi: 40562
Iscritto il: lun nov 25, 2002 1:00 am
Località: Foligno, centro del mondo
Contatta:

Re: Sport e nazionalismo.

Messaggioda Nasty » mar ago 30, 2016 10:16 pm

dsdifr ha scritto:fece la stessa cosa a fine anni 90 (mi pare la stagione 95-96 se ricordo bene) nella NBA Mahmoud Abdoul-Raouf - all'anagrafe Chris Jackson - e con una nazione molto più anti-nazionalista.


1995-96?

Secondo me prima, sono quasi sicuro che andassi ancora al Liceo, avevo l'album delle card NBA, e dopo il liceo ho smesso, direi 1993-94 :D
"Ti ha lasciato un figlio, Foster Wallace, tre maglioni
E queste cazzo di parole senza senso dentro le canzoni"


Torna a “Altri Sport”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite